A casa con i bambini ai tempi del Coronavirus | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

A casa con i bambini ai tempi del Coronavirus

I consigli della blogger e autrice nonché mamma Catiuscia Ceccarelli su come gestire il tempo libero con i bambini in questo periodo di emergenza

Per contrastate il Coronavirus l’impegno di tutti è quello di stare a casa.
Questa pandemia ha stravolto le nostre vite, ha cambiato le nostre abitudini e ci ha costretti a rallentare. Almeno fino al 3 Aprile, anche i nostri figli devono stare a casa. Non possono andare al parco tra scivoli e altalene, e non possono andare a casa di amichetti o cuginetti. Nemmeno dai nonni. A casa. Dentro le proprie mura domestiche, magari con qualche uscita sul terrazzo – per chi ce l’ha, o in giardino – per chi ce l’ha.
Noi adulti, il modo per trascorrere questo lungo e lento periodo casalingo lo troviamo: chi continua a lavorare con lo smart working, chi si tiene in forma seguendo gli innumerevoli tutorial di allenamento su Youtube (quelli di Michelle Hunziker per modellare le Iron Ciapet vanno per la maggiore) o le dirette Facebook e Instagram create da Vip o profili vari, proprio con il motto del momento:#iorestoacasa. Possiamo leggere, pulire, fare lavatrici o cucinare.
Per i più piccoli? Come intrattenerli tutto il giorno, tutti i giorni fino a Aprile?
Per quelli un po’ più grandicelli, ci viene in soccorso come può il mondo scolastico con lezioni in via telematica, compiti da fare e letture consigliate. Ma poi, se usata con intelligenza e parsimonia, un’ottima alleata per ammazzare il tempo è la TV. Ci sono canali e fasce orarie dedicati ai più piccoli con cartoni animati, serie tv e programmi di intrattenimento. Date un‘occhiata ai palinsesti di Italia Uno e Rai Yo Yo, per farvi un esempio.
I bambini piccoli, di due o tre anni, sono molto esigenti: vietato annoiarsi, anche se sarebbe consigliato per stimolare la loro creatività; se mamma e papà sono casa, tutta la loro attenzione deve essere concentrata su me! Questo è quello che pensa il bambino.

Chi ha figli di questa età in casa sa perfettamente che ogni attività domestica va rimandata, a meno che i bimbi non vengano coinvolti. Questo, per esempio, è un modo carino e costruttivo per passare il tempo, fare qualcosa insieme e con lentezza. A proposito di lentezza, non avendo ritmi incessanti per fare colazione, uscire di casa, accompagnare i bambini all’asilo e fuggire al lavoro, potrebbe essere molto utile lasciare il giusto tempo ai nostri pargoli di 2 o 3 anni, per esempio, per imparare a vestirsi da soli, allacciarsi le scarpe, per dare spazio a quelle piccole ma importanti abitudini quotidiane che di solito ci sfuggono di mano.

Per rendere le lunghe giornate in casa meno pesanti, non dimenticate mai la complicità dei libri. Leggere insieme ai vostri piccoli, ad alta voce, non solo è un momento piacevole e intimo, ma li aiuta a migliorare il linguaggio, l’attenzione e le capacità cognitive, ed è anche intellettualmente stimolante.

Il gioco è fondamentale per la crescita e lo sviluppo dei nostri bambini. Giochi già studiati per loro oppure inventati da mamma e papà con quello che si ha in casa o pescando nella tradizione.
Un gioco divertente da fare tra le mura domestiche è il nascondino, un evergreen. Giocare a nascondersi tra i mobili di casa o inventarsi soluzioni per non farsi trovare può davvero risultare divertente. Inoltre, aiuta i piccoli ad imparare a contare. Per i più vanitosi, il baule dei travestimenti: prendete una grande scatola o un contenitore abbastanza capiente e riempitelo insieme con vestiti presi a caso dal vostro armadio, parrucche di un carnevale passato, cappelli, guanti e accessori vari e iniziate lo show. Pescate insieme da lì dentro, e inventate delle storie di cui voi e il vostro pargolo siete i protagonisti. Potete anche improntare una mini sfilata di moda in cucina con un sottofondo musicale e poi scatenarvi nelle danze a fine spettacolo. Il divertimento è assicurato.
Un altro gioco che ai bambini piace è Chi è andato via? Un classico tra i giochi di memoria per i più piccoli. Mettete su un vassoio o sul tavolo alcuni oggetti (si comincia con quattro e poi si aumenta gradualmente). Il bambino li osserva per alcuni secondi, poi si gira e voi, mamma e papà, ne togliete uno. Il bambino deve indovinare qual è l’oggetto mancante.


I puzzle, gli album da colorare o quelli con gli stickers da attaccare e staccare, le fiabe da leggere insieme o da inventare. In questo periodo di clausura in casa, diamo libero sfogo alla fantasia e godiamoci i nostri bambini.

a cura di Catiuscia Ceccarelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.