A Castelplanio, a tavola in piazza con i profughi. L'iniziativa della Pro Loco | | Password Magazine
Festival Pergolesi

A Castelplanio, a tavola in piazza con i profughi. L'iniziativa della Pro Loco

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELPLANIO – Si è svolta ieri sera, negli stand della Crescia sul Panaro appena conclusa,  la cena con i profughi arrivati a Castelplanio, su iniziativa della Pro Loco. Erano presenti più di 150 persone, un successo di partecipazione anche se il timore degli organizzatori era che ” non venissero in tanti”.

Prima dell’arrivo dei rifugiati nella villetta di via Gioco del Formaggio, infatti, tra i cittadini era scattata una petizione e qualcuno era persino arrivato ad imbrattare i muri interni del caseggiato.

La cena dell’accoglienza è stata interamente offerta dalla Pro Loco, in collaborazione con Comune, Aicu, parrocchia di San Sebastiano e cooperativa “Incontri per la democrazia” che gestisce questi rifugiati.
I profughi erano in tutto 23, compresa una donna, tutti giovani, di età tra i 17 a poco più di 20 anni. Provengono da Gambia, Mali, Senegal, Guinea, Somalia.
Alla cena erano presenti, tra gli altri,  insieme al presidente della Pro Loco Paolo Marini e a quello dell’Aicu Emilio Amadio, anche il sindaco di Castelplanio Barbara Romualdi e  il vice Paolo Grizi, l’assessore Dino Sabbatini, il parroco don Mariano Piccotti, il giornalista Rai, Vincenzo Varagona. “Una serata riuscita molto bene – ha detto il sindaco Romualdi – Castelplanio ha smentito di avere una parte di sé razzista anche perché stasera c’erano anche alcuni che avevano firmato la petizione contraria all’accoglienza. La mia priorità sono i castelplanesi e non permetterò a nessuno che la comunità venga divisa. Il rischio, ora, potrebbe essere la strumentalizzazione politica ma noi staremo molto attenti”.
La psicologa della coop “Incontri per la democrazia”, in rappresentanza della presidente Cristina Cecchini assente perché in Usa, ha detto che “L’esempio che ci dà Castelplanio è quello di essere aperti verso gli altri. Non è una situazione facile ma la maggior parte dell’Africa è in fuga. Occorre conoscenza ed è bello che in tanti stasera siano qui per conoscere”. Ha, poi, aiutato i rifugiati a presentarsi a uno a uno.
(Si ringrazia QDM Notizie e Pino Nardella per foto e info)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.