A Cupramontana, un' Ave Maria del XIII secolo | | Password Magazine
Festival Pergolesi

A Cupramontana, un’ Ave Maria del XIII secolo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CURIOSANDO/ a cura di Riccardo Ceccarelli

È lì, nella Sala Consigliare del Comune di Cupramontana, murata accanto ad altri reperti lapidei d’epoca romana, medievale e moderna. Non la nota quasi nessuno, colpiti dalla mole dell’altra grande pietra-iscrizione degli “alimentarii”che attesta come l’antica Cupra Montana fosse proprio nei paraggi del castello di Massaccio, nome appunto di Cupramontana fino al 1862. È un frammento di pietra con dei piccoli clipei del diametro di tre cm ciascuno con lettere e segni incisi. Queste le lettere che si leggono:

CTAT…BUSE…TUSFR…..NTRIST…USSANTAM…ORAPRONO…MEN.

La ricostruzione ha portato ad individuare l’intero testo: [Ave Maria gratia plena Dominus tecum benedi]CTA T[u  in mulieri]BUS E[t benedic]TUS FRU[ctus ve]NTRIS T[ui Ihes]US SANTA M [aria] ORA PRO NO[bis a]MEN.

Presumibilmente il testo era distribuito su nove /dieci righe. Indubbiamente è un frammento di un lapide mariana con il testo dell’Ave Maria nella formula duecentesca, in quanto la seconda parte (Sancta Maria, Mater Dei, ora pro nobis peccatoribus, nunc et in hora mortis nostrae. Amen) venne aggiunta successivamente, nel 1483. Le lettere sono in caratteri gotici, tipici del Due-Trecento. Nei clipei liberi dalle lettere vi sono piccole croci greche (cioè con i bracci tutti uguali) con quattro punti simmetrici alternate sembra a viti. Il frammento, con tutta probabilità, fu murato nel 1864 nell’aula consigliare quando il sindaco Rinaldo Angelini volle raccogliere, nell’atrio e nella sala, 35 epigrafi in pietra e in marmo riferibili alla storia di Cupramontana. Non si conosce con esattezza la sua provenienza.

Si fa l’ipotesi che derivi dalla chiesa di S. Maria del Colle che sorgeva non lontano dal castello di Accoli ricordata verso la fine del Duecento e che sorgeva nell’omonima contrada così chiamata anche oggi. Con certezza invece provengono dalla chiesa di S. Lucia situata all’interno del castello di Accoli, altri due reperti lapidei murati a pochi centimetri: un’iscrizione del 1348 e una “pietra a forma di mitra avente una croce di forma greca  ed in ciascuno dei quattro, lati una stella”. Ci sono, da me conosciute, altre due pietre con analoghe iscrizioni, una a Macerata presso la Pinacoteca Comunale e l’altra nel Museo di Palazzo Bellomo a Siracusa, seppure con la serie dei clipei disposti quasi a “labirinto” quella di Macerata e “a forma di spirale” quella di Siracusa. L’analisi delle lettere e dei simboli conduce senz’altro alle modalità di scrittura del Due-Trecento e alla teologia dell’epoca.

Tra gli studiosi invece non ci si è accordati con assoluta sicurezza sull’utilizzo che si poteva fare di simili manufatti. Oltre ad essere una testimonianza di devozione alla Madonna, l’ipotesi più accreditata è che questi manufatti, almeno la pietra di Macerata e quella di Cupramontana, siano stati oggetti rituali per la confezione e la cottura delle ostie (quello di Siracusa, del XVII-XVII secolo, è dato come lastra per cuocere dolci). Lo fanno pensare la forma del clipeo che si presenta come incavatura rotonda, matrice per una forma circolare di spessore di 2 mm circa e la simbologia la croce e la vite come “motivi” eucaristici. Al centro l’invocazione più frequente della pietà cristiana, l’Ave Maria. Un frammento di pietra che desta curiosità per trovarne magari altre simili e per indagare su aspetti di vita, piccoli ma interessanti, del nostro passato.

 

 

2 Commenti su A Cupramontana, un’ Ave Maria del XIII secolo

  1. Sto eseguendo una ricerca sull’origine della famiglia David di Cupramontana, per capire se a questa sono riconducibili i David della mia famiglia ramo paterno. Vorrei contattare il Prof. Riccardo Ceccarelli per avere dei ragguagli in proposito.
    Potete aiutarmi?.
    Grazie, Augusto Gaggiotti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.