A Fano, mostra pittorica dello jesino Carlo Cecchi

FANO – Dal 4 novembre al 2 dicembre,  presso la galleria Gasparelli Arte Contemporanea, a Fano, esposizione di quadri e opere del pittore jesino Carlo Cecchi.

LA CIVILIZZAZIONE. E CERTO ANCH’IO VORREI TORNARE A CASA.                                               

 

 “Ci saranno certo alcune persone che saranno assai malcontente di tutti questi pensieri. Diranno che io mescolo cose che non hanno nulla a che fare tra loro […] che tutta questa confusione non porta a nessuna conseguenza e che non c’è niente di più arbitrario e presuntuoso che creare tali associazioni cui manca ogni fondamento reale. A costoro sia risposto con poche parole, che del resto non comprenderanno. Sì, nulla sta veramente insieme. Nulla ci circonda se non il fluttuante, l’insostanziale dai mille nomi, e dietro ad esso stanno gli spaventosi abissi dell’esistenza. Chi ricerca 

l’immobile e il determinato tornerà sempre a mani vuote. Tutto è in perpetuo movimento, tutto è altrettanto irreale quanto il getto continuo della fontana da cui cadono ininterrottamente miriadi di gocce e ne affluiscono ininterrottamente miriadi di nuove. Con gli occhi che ci evocano l’immagine illusoria della fontana dobbiamo guardare la vita degli uomini.” ( Hugo von Hofmannsthal ‘L’ignoto che appare’, Adelphi)

Inaugurazione 4 novembre, ore 11.00.
Gasparelli Arte Contemporanea 
Arco di Augusto, 74 – Fano (PU)
Orario: mar – dom 10-13 e 17-20
Ingresso libero

 

Carlo Cecchi, di origine toscana, nasce a Jesi nel 1949 e lavora tra Jesi e Roma. Attualmente è docente di Pittura negli Istituti d’Arte e nei Licei Artistici. Temperamento originale, insofferente agli schemi, alle scuole medie è ogni volta bocciato in disegno, il su
o interesse principale è la musica, suona la batteria e negli anni sessanta fonda un gruppo, si avvicina all’arte dopo un variegato percorso scolastico e approda finalmente all’Istituto d’Arte di Ancona in cui si diploma nel 1969 con ottimi voti. Durante questa fase della sua vita conosce lo storico dell’arte Vittorio Rubiu e lo scultore Mannucci fondatore dell’Istituto. Si iscrive all’Accademia di Belle Arti per diplomarsi nel 1973. Tra i suoi docenti figurano Pier Paolo Calzolari, Concetto Pezzati, Alberto Boatto, Renato Bruscaglia, Tommaso Trini. In quell’ambito inizia a crescere in lui la volontà di fare l’artista perciò opera e realizza le prime esperienze espositive.

Spirito eclettico, il suo impegno non si limita alla pittura, diventa amico di poeti con cui realizza eventi in nome della reciprocità espressiva. Viaggia molto, frequenta gallerie, musei, tiene mostre in spazi pubblici e privati in Italia e all’estero. Spesso viene chiamato come relatore per incontri, seminar!, conferenze su tematiche riferite agli aspetti, agli sviluppi e agli effetti dell’arte contemporanea. Negli anni ’70 guarda al linguaggio dei concettuali e all’arte povera e la sua pittura, dotata di forte riconoscibilità, è l’esito di un lungo cammino di ricerca per trovare un personale modo di esprimersi. Le opere del maestro sono presenti in collezioni pubbliche e private ed oggetto di testi critici e saggi da parte di storici dell’arte di prestigio internazionale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*