A Jesi arriva il Progetto Policoro dedicato ai giovani | | Password Magazine

A Jesi arriva il Progetto Policoro dedicato ai giovani

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “La Chiesa è mandata ad annunciare la Buona Notizia, si impegna per i giovani portando avanti un’opera educativa con risvolti sociali: non è un’impresa o un partito ma cerca di abitare il territorio con un concreto progetto di evangelizzazione”.

Il vescovo di Jesi, Gerardo Rocconi, ha presentato così il Progetto Policoro che, nato nel 1995 in Basilicata, ora è arrivato in diocesi dopo due anni di preparazione. La ventitreenne Letizia Taccaliti, studentessa di psicologia scolastica e di comunità, è stata selezionata, dopo un bando al quale sono arrivate quindici richieste, per promuoverlo a Jesi e nella Vallesina per tre anni.

“In questi primi mesi dell’anno – ha spiegato Letizia Taccaliti – sto curando la mia formazione partecipando al corso base per animatore di comunità ed ho preparato le relazioni che presenteremo a Cagliari, alla 48ma Settimana Sociale di ottobre, sulle buone pratiche individuate nel nostro territorio e che rientreranno nel progetto nazionale “Cercatori di LavOro” che propone un cambiamento di sguardo e vuole offrire ai vescovi elementi concreti di speranza, spunti per ulteriori sviluppi creativi in direzione di soluzioni adatte anche al proprio territorio”.

L’Orto del Sorriso della Caritas, l’azienda Paradisi e l’Istituto Tecnico Marconi per l’alternanza scuola-lavoro sono stati selezionati per la realtà di Jesi e le relative schede con filmati, immagini e testimonianze sono le pratiche eccellenti in materia di lavoro che rappresenteranno Jesi per le caratteristiche di successo e per le possibilità di riproducibilità dell’esperienza su altri territori.

Nella diocesi di Jesi l’equipe che segue il Progetto Policoro è composta dai direttori degli uffici della Pastorale Giovanile, della Caritas, della Pastorale Sociale e del Lavoro, dall’Animatrice Letizia Taccaliti e dal tutor Marta Santoni che ha evidenziato il valore dell’iniziativa sostenuta dalla Chiesa Italiana per innestare nella vita dei giovani un processo virtuoso che passa attraverso un impegno di formazione culturale e che culmina nella realizzazione di gesti concreti di solidarietà e di rapporti di reciprocità.

“Le nostre comunità sono frammentate – ha commentato Giorgio Berti della Commissione diocesana della Pastorale Sociale e del Lavoro – ma ci sono tante buone pratiche: il nostro obiettivo è di connettere e valorizzare per vincere la scommessa del lavoro mettendo a disposizione dei giovani le informazioni, le opportunità legislative, i contatti, le occasioni”.

La Caritas ha sostenuto la nascita del Progetto anche a Jesi (in Italia sono 97 le diocesi aderenti con 570 realtà imprenditoriali che danno lavoro a ottomila persone) con l’obiettivo di riuscire a restituire all’intera comunità e ai giovani disoccupati un concetto di lavoro inteso come impegno a realizzare se stessi, a progettarsi, a inventarsi e a reinventarsi.

Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.