L' Orto del Sorriso, quando l'agricoltura è integrazione e riscatto | | Password Magazine

L’ Orto del Sorriso, quando l’agricoltura è integrazione e riscatto

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – L’Orto del Sorriso, una realtà di circa due ettari di terreno in via Calabria, al civico 47: una seconda possibilità per chi ancora ci crede ed è in cerca di riscatto.

Questa è un po’ la filosofia dell’orto, ed in particolare per il coordinatore Matteo Donati “il progetto dell’Orto del Sorriso ha come obiettivo quello di rendere protagoniste le persone, che si devono sentire coinvolte. È bello vedere in loro un cambiamento: vengono a lavorare qui e, avvicinandosi al nostro progetto, in un certo senso riferiscono. Lo scopo è quello di rimettersi in gioco, se togliamo la persona da questo progetto, togliamo tutto. La verdura non basta, ecco”.

Ciò che si conosce come Orto del Sorriso è ad oggi il connubio di Caritas Diocesana e Cooperativa Odòs, che insieme portano avanti il progetto. Nasceva tre anni fa da un’idea della parrocchia di San Giuseppe e da lì, passo dopo passo, grazie ai Fondi 8×1000 e a due famiglie di Jesi che hanno concesso il terreno in comodato d’uso gratuito, il progetto si è fatto sempre più articolato e completo.  Durante il primo anno di attività, era una start up che muoveva cauts i suoi primi passi nella comunità. Il secondo anno è riuscito a triplicare gli incassi, fatti durante il primo anno e, durante il terzo anno, è riuscito a crearsi una propria identità: l’orto che oggi noi conosciamo.

La Caritas si occupa della parte sociale, quindi di tutte le persone che a vario titolo entrano a far parte del progetto: coloro che hanno bisogno di un percorso di recupero sociale, i ragazzi delle scuole della città, le associazioni o gli enti che hanno piacere di partecipare al progetto, perché, come afferma Matteo Donati, dalla verdura sono nate mille idee.

“L’obiettivo della Caritas è di integrare, di connettere, di fare rete – commenta Marco D’Aurizio, direttore della Caritas Diocesana – dare speranza a chi l’ha perduta, com’era d’altronde l’obiettivo primario della parrocchia di San Giuseppe. E quello che dovrebbe venir fuori in prospettiva futura è la figura di una persona che ci metta passione e soprattutto che abbia voglia di sporcarsi le mani per far diventare questo progetto una cooperativa sociale: la start up fatta deve servire a trovare gente che abbia passione, voglia di mettersi in gioco, per portare avanti un percorso senza il bisogno di finanziamenti esterni, ma con le sole proprie forze”.

La cooperativa Odòs si occupa invece della gestione della parte amministrativa del progetto. Tutto ciò che è il rapporto con coloro che lavorano, sia per la gestione amministrativa, che per il bilancio economico di fine anno.

“La Cooperativa Odòs nasce proprio con lo scopo di far lavorare persone in difficoltà – aggiunge Carlo Bellocchi della Cooperativa Odòs – e qui abbiamo avuto la possibilità di concretizzare il nostro obiettivo, dando lavoro a persone in difficoltà, quindi dare un senso, un respiro a queste persone. Ma questo non può andare avanti e svilupparsi se la conformazione del progetto resta quella attuale, quindi dobbiamo evolverci, per farle lavorare in maniera stabile, per far sì che questa start up diventi cooperativa sociale e si possa reggere in maniera autonoma”.

Attualmente sono coinvolte 19 persone: 3 dipendenti (due con contratti a chiamata e un agricoltore con contratto annuale), 4 tirocini di inclusione sociale, 2 tirocini formativi, 6 lavori socialmente utili, 4 percorsi educativi con minori. Tra i loro clienti vi sono un ristorante della zona e un supermercato, e come partner: Centro per l’impiego, Asp9, Tribunale di Ancona, GUS, SERT, IRS L’Aurora, COOS Marche.

Il loro punto di vendita è nella casetta, come la chiama Matteo, proprio accanto al terreno. Sono operativi tutte le mattine dalle 9 alle 12, e di pomeriggio il lunedì e il giovedì: in via Calabria al civico 47 si respira aria di solidarietà, salute e qualità a km 0.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.