A Jesi, la celebrazione del 72° Anniversario dalla Liberazione

JESI – Giornata della memoria quella di domani (mercoledì 20), 72° anniversario della Liberazione di Jesi dall’occupazione nazi-fascista, avvenuta il 20 luglio del 1944. Il programma delle celebrazioni quest’anno si svilupperà dopo cena, con ritrovo alle ore 21 in Piazza Baccio Pontelli, presso la sede dell’Associazione Nazionale Bersaglieri posta all’interno del torrione. Da qui si andrà insieme ai giardini Orti Pace di via Setificio dove, alle ore 21.15, vi sarà la deposizione di una corona d’alloro al monumento ai bersaglieri e si terrà l’intervento ufficiale delle autorità.

Intanto, sul balcone della residenza municipale è già stato affisso il lungo striscione che recita “20 Luglio 1944: Jesi è libera”.

Per i più anziani – allora bambini, adolescenti o comunque giovanissimi – è ancora vivo nella memoria il ricordo di quel meraviglioso giorno. Per tutti gli altri restano le belle pagine dello storico locale e giornalista Giuseppe Luconi nel suo libro “L’anno più lungo” che, dopo aver ricordato ansie e timori della notte precedente così descrive l’inizio di quel giorno: ”All’alba il generale Utili si trova sul crinale fra il Musone e l’Esino per vedere da dove tirano gli “88” tedeschi. Poi l’ordine: Avanti gli alpini. Sono le 6 del mattino. La 3ª compagnia del battaglione alpini “Piemonte”, comandata dal capitano Barbieri, attraversa per prima il fiume ed entra a Jesi…. I pochi abitanti che sono rimasti a Jesi rimangono dapprima stupiti di trovarsi di fronte ai nostri gagliardi fanti della montagna…Però, dopo il primo attimo di sbalordimento, la loro gioia si manifesta in pieno ed i nostri soldati vengono letteralmente portati in trionfo mentre dalle finestre cominciano a sventolare i primi tricolori”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*