A Jesi, l'incontro regionale su impianti sportivi. Presente anche Valentina Vezzali | Password Magazine
Festival Pergolesi

A Jesi, l'incontro regionale su impianti sportivi. Presente anche Valentina Vezzali

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Ripensiamo gli impianti sportivi tra nuove norme e nuove idee” è il tema dell’ incontro in programma domani (sabato 29) al teatro studio “Moriconi” di Jesi, organizzato dalla Scuola Regionale dello Sport delle Marche, dal Coni e da Jesi Città Europea dello Sport. A partire dalle ore 9 e con l’intervento di autorevoli relatori, si affronteranno le novità in materia di impiantistica sportiva, le strategie di ottimizzazione della gestione degli impianti, le opportunità di attingere ai finanziamenti, con un excursus sulla legislazione regionale e, attraverso l’intervento dell’on. Valentina Vezzali, sulle proposte di legge in materia presenti in Parlamento.

Una occasione davvero importante per amministratori di enti locali, dirigenti di società sportive, ma anche professionisti che gravitano nel mondo dello sport di avere, tutti insieme, un quadro completo su norme, risorse e strategie per favorire l’attività in strutture efficienti e funzionali.

“Le Marche – spiega in proposito il presidente regionale del Coni, Fabio Sturani – hanno un patrimonio sportivo importante, a dirlo è il registro degli impianti, che il Coni gestisce su incarico della Regione: quasi 3000 spazi per praticare sport diffusi su tutto il territorio regionale, una rete di strutture che coprono praticamente tutti gli sport e che permettono a migliaia di persone di fare attività fisica. Riqualificare e rendere pienamente operativo questo patrimonio, puntando anche sul risparmio energetico, deve diventare una priorità sociale. Dispiace quindi constatare – evidenzia Sturani – come per il secondo anno consecutivo non siano previsti fondi da parte della Regione per la ristrutturazione degli impianti sportivi. È necessario un cambio di rotta, si devono trovare le risorse da investire, attingendo ad esempio ai fondi comunitari e incoraggiando forme di cofinanziamento con i fondi strutturali 2014-2020, in linea anche con quanto previsto ad esempio dal piano del Governo per l’edilizia e le palestre scolastiche”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.