"A Jesi mi lega un sentimento di grande appartenenza". Parola di Sindaco, Massimo Bacci | | Password Magazine

“A Jesi mi lega un sentimento di grande appartenenza”. Parola di Sindaco, Massimo Bacci

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Giorni di grande caldo. L’afa opprime, non c’è temporale estivo che tenga. E pensare che nella calura che ti sconquassa c’è chi è chiamato a pensare, a decidere, a fare in modo che le cose vadano avanti. Il meglio possibile.

Come il riconfermato sindaco Massimo Bacci. Fresco, beato lui, come una rosa.

L’appuntamento è nel suo ufficio, in Comune. Un appuntamento che sarebbe da rimandare, se vogliamo. Le 15.30 di pomeriggio. Ti verrebbe da dire “ ma chi ce lo fa fare”. Eppure si fa. Visto che lui lo fa…

“Dopo l’ubriacatura della vittoria – ci dice accogliendoci – siamo di nuovo molto consapevoli della responsabilità che ci siamo assunti e pertanto stiamo cercando di proporci per cercare di essere operativi per la città”.

Cadono le prime gocce di sudore. E’ come al teatro Pergolesi, Gennaro Pieralisi docet. Aria condizionata neanche l’ombra. Il Sindaco, imperterrito, non fa una piega. Che invidia…

Però Massimo – ma perché con questo nome ci viene sempre in menteIl Gladiatore”? -, guardandosi allo specchio, cosa avrebbe detto a Bacci: “Hai vinto perché?…”.

“Hai vinto  – dice convinto – perché sei riuscito, insieme agli altri, a dare un’immagine di gruppo laborioso, coeso e serio. Abbiamo fatto politica cittadina nell’interesse di chi questa città la abita, ci vive. Poi le letture sono sempre molteplici, però i cittadini, quelli che almeno sono andati a votare, ce l’hanno riconosciuto. E’ umano che quando ti rimetti in gioco, e lo fai da Sindaco uscente, hai sempre dubbi e perplessità che si riconducono al fatto che ci sia o meno apprezzamento per quello che hai fatto. Onestamente dico che se fosse andata male ci sarei rimasto di sasso perché penso di aver dato tantissimo con presenza, lavoro, passione. Ispirandomi al fatto che tu puoi chiedere agli altri se prima chiedi a te stesso. Ce l’ho fatta e adesso debbo dimostrare di meritarmelo e non è cosa di poco conto”.

Ce l’ha fatta e al primo turno, senza ballottaggio. Numeri importanti, di poco inferiori al 60 per cento… Numeri che, guardandosi intorno, ci parlano anche di una grande affermazione del MoVimento 5 Stelle nella vicina Fabriano con il neo sindaco pentastellato Gabriele Santarelli.

“Con un telegramma gli ho fatto i miei complimenti. Spero di trovare in lui un interlocutore aperto che sappia interpretare al meglio il ruolo che i cittadini gli hanno conferito e che a differenza di tutti coloro che stanno da quella parte politica, che vanno assolutamente considerati e apprezzati per la loro proposta, non si isoli, che non pensi che loro siano unici, politicamente. Spero, ripeto, che con lui ci sia un dialogo intenso e costruttivo, ci tengo particolarmente”.

E che dire del fatto – guarda la coincidenza – che il bis-mandato quinquennale inizi proprio con l’inaugurazione del museo a Federico II Stupor Mundi? La Storia che ci mette lo zampino. E che Storia.

“Fatte ovviamente le debite proporzioni, bisogna stare non con i piedi per terra ma farceli sprofondare. Come impegno politico mi ero speso molto per questo museo, le questioni burocratiche da sbloccare, infatti, non sono mancate. E mi sarebbe proprio dispiaciuto, lo confesso, non esser lì, all’inaugurazione, come Sindaco. E’ un momento importante per l’intero territorio e per le Marche anche se la responsabilità vera sarà saperlo gestire. Mettergli le gambe, farlo camminare proponendolo come un’attrattiva vera della città. Dobbiamo imparare ma ce la faremo lavorandoci con impegno. E non dimentichiamo che a settembre inaugureremo il nuovo museo archeologico”.

Primo e secondo mandato. Che differenze ci sono? Adesso c’è più consapevolezza di quello che

bisogna fare?

“Assolutamente sì. Ricordo la prima esperienza. Alcuni passaggi mi sfuggono, non li rammento.  Erano talmente l’emozione, la preoccupazione che, pur ripetendo gli stessi passaggi, non me li ricordo. Chiedo: ma ho fatto così l’altra volta? Mi dicono di sì, ma io ho cancellato tutto. Un turbinio vero di emozioni la prima elezione, anche perché la vittoria fu inaspettata. Tutto vissuto con grandissima emotività. Questa volta conosco i problemi, sono più consapevole, so che affronteremo una consiliatura più difficile, non sarà una passeggiata. Però so anche che molti di noi hanno acquisito esperienza e questo conta tanto”.

Gli insegnamenti dei primi 5 anni un tesoro per quelli a venire.

“Sì, soprattutto in relazione al fatto che per ogni decisione che prendi, anche la più semplice, devi sempre pensare alle conseguenze che avrà per i cittadini. Un paio di volte abbiamo agito d’istinto, non abbiamo pensato a cosa ne sarebbe derivato. Non siamo stati compresi. Una su tutti la questione dei famosi panettoni, un peccato veniale sicuramente, ma che potevamo gestire in altra maniera, con meno conflitti”.

Ma Massimo Bacci che idea si è fatto della Jesi del futuro? O meglio, quale città gli piacerebbe fosse consegnata ai suoi nipoti, tanto per dare un più ampio respiro all’azione, quali mattoni  gli piacerebbe mettere in questa costruzione?

“Innanzitutto vorrei una città con un attraente arredo urbano, simile a quelle del nord Europa. Utopia? Forse, ma ci credo. E un sentimento di grande appartenenza. Io lo sento fortissimo. Perché tutto parte dalla passione, dalla voglia di fare qualcosa di importante per questa città. Il periodo è difficilissimo, lo sappiamo, e noi siamo dentro questo meccanismo perverso. Ma agli amministratori spetta il compito di cogliere le opportunità che si presentano. Una su tutte le attività della Team System che ha concentrato tutti i propri 400 dipendenti qui a Jesi. Il J Village, l’interporto, il turismo. Qui c’è una storia incredibile, c’è tutto. Ma bisogna lavorare in sinergia all’interno di un sistema più ampio. Dunque, una città viva, flessibile, pronta a intercettare ogni opportunità per essere in grado di affrontare la competizione. L’obiettivo primario, per ora, è quello di digitalizzare il Comune per renderlo anche più trasparente e per sopperire alla mancanza di personale che, credo, sarà cronica a livello generale”.

Importante la squadra “con la quale perseguire obiettivi comuni nell’interesse generale, come abbiamo già fatto e forti, stavolta, di un’esperienza maggiore”.

Depositate le armi della contesa elettorale Massimo Bacci ridiventa Sindaco.

Pino Nardella

L’intervista è pubblicata sul numero Password di giugno.

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.