Matt Cancelleria
Vai al Sito

Giornata per l'Infanzia, parte a Jesi il "Progetto Giovani"

JESI – In occasione della “Giornata Internazionale dell’Infanzia e dell’Adolescenza” promossa dall’Unicef prende avvio il “Progetto Giovani”, fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con gli istituti superiori di Jesi e in questa occasione con la responsabile della sezione Unicef di Jesi Mirella Mazzarini. Gli assessori Rolando Roncarelli, con delega alla Partecipazione Popolare e Marisa Campanelli, con delega alle Politiche Educative e all’Istruzione, hanno illustrato il percorso del progetto, destinato a creare una sorta di laboratorio di idee e di proposte permanente formato da giovani al quale il Comune di Jesi metterà a disposizione spazi e attrezzature. I gruppi di lavoro, per un totale di 21 studenti appartenenti al tutte  le scuole superiori di Jesi dalle seconde classi fino alle quinte, hanno già iniziato a elaborare delle proposte proprio in occasione della “Giornata Internazionale dell’Infanza e dell’Adolescenza” promossa dall’Unicef.

 I risultati di questa prima fase di attività del neonato collettivo giovani sono due progetti rivolti rispettivamente ai bambini delle scuole materne e elementari e ai ragazzi degli istituti superiori di Jesi, incentrati, con diverse modalità di divulgazione e di approccio, sulle tematiche legate ai diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Laboratori didattici di disegno per i bambini da tenersi nei locali del Palazzetto dello Sport “Ezio Triccoli” si alterneranno a proiezioni di filmati e incontri pubblici  destinati ai ragazzi delle superiori e focalizzati sulla conoscenza della Carta dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza  del 1989 e sulle precedenti convenzioni internazionali fino ad arrivare alla prima Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo approvata nel lontano 1924 dalla Società delle Nazioni. Il “Progetto Giovani”, come ha sottolineato l’Assessore Roncarelli, dovrà rappresentare per l’aministrazione uno stimolo e una fucina di idee e di proposte e per i giovani, i futuri cittadini di domani, un momento di interazione con le istituzioni e con la macchina che regola il funzionamento delle stesse.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*