A Jesi un 'Giardino delle Rimembranze' per disperdere le ceneri dei propri cari | Password Magazine
Lulù  

A Jesi un ‘Giardino delle Rimembranze’ per disperdere le ceneri dei propri cari

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- È un esperienza contemplativa ed emozionante quella che vuole creare il nuovo giardino delle rimembranze presentato oggi nella Sala Consiliare del Comune di Jesi dagli assessori Roberto Renzi e Luca Butini, dalla società gestrice del cimitero Futura e dagli architetti autori del progetto, Moreno e Barbara Vallini.

L’opera presentata ha visto la riqualificazione di un lotto di terra al centro del cimitero principale, tra l’ossario comune, le tumulazioni a terra e le sepolture dei cittadini di fede islamica, in cui ognuno può decidere di liberare le ceneri dei propri cari, indipendentemente dal credo religioso.

Come spiegato dai due architetti l’opera ha un altissimo potere evocativo e simbolico, che fa riferimento al significato dell’albero come elemento di vita e di contatto ultraterreno. L’albero scelto come punto focale dell’intera realizzazione è il gelso che proviene da un fioraio jesino e quindi denota un importante aspetto di territorialità. L’albero rappresenta la saggezza e il ponte tra cielo e terra, ed è inserito all’interno di un cerchio con ciottoli bianchi, che rappresenta un po’ il circolo della vita e la naturale uguaglianza di tutte le persone dinnanzi ad esso, che accoglierà le ceneri disperse.

All’ingresso di quest’area vi è un arco che funge da portale per andare oltre e proiettarsi in una nuova dimensione di riflessione e in un nuovo percorso empatico.

Proprio nella direzione della comprensione di una nuova dimensione sono stati installati in quest’area anche dei cubi dove potersi sedere per leggere e riflettere riguardo la tematica della morte.

Gli architetti hanno tenuto molto a ringraziare la responsabile dei lavori per la  cooperativa Futura, Francesca Santarelli.

La cooperativa Futura, che gestisce i servizi cimiteriali jesini da quasi trent’anni si dice molto soddisfatta della riuscita del lavoro: «Sentiamo nostro questo progetto, siamo entusiasti che questo lavoro abbia riscosso consenso anche fra la cittadinanza e comunichiamo già che stanno partendo le attività straordinarie di manutenzione dei cimiteri in vista dei primi di novembre».

Sia l’assessore Butini che Renzi hanno sottolineato il grande valore di un installazione del genere nel comune di Jesi, unico Comune in tutta le regione Marche e uno dei pochissimi in Italia ad avere una simile struttura.

Renzi in particolare ha sottolineato come negli ultimi anni si sia investito molto in opere pubbliche ed ora sia la volta dei cimiteri: «In questi anni abbiamo fatto interventi colossali su molti fronti ma ci mancano effettivamente alcune opere sui cimiteri. Bisogna individuare le priorità ed intervenire sia sul cimitero centrale che su quelli rurali (Mazzangrugno, Tabano e Santa Maria del Colle). Nostro compito è da qui a fine mandato di fare ciò che va fatto sui cimiteri, partendo per esempio da quello di Mazzangrugno ma cercando di arrivare a toccare tutte le realtà».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.