A Jesi una mostra da non perdere  | Password Magazine
Lulù  

A Jesi una mostra da non perdere 

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – C’è tempo sino al 24 ottobre per visitare la mostra fotografica dedicata a Giacomelli e Leopoldi, allestita in corso Matteotti, in uno dei locali “Asta in corso”, organizzata da Fotoclub Effeunopuntouno BFI di Moie, in collaborazione con Lorenzo Cicconi Massi, Francesco Cesaroni, Simone Volpini e ViaColombo, nell’ambito del festival Effeunofest, col patrocinio del Comune di Jesi. Al suo interno, dove siamo stati scortati dal fotografo jesino Francesco Cesaroni, una doppia esposizione: da un lato quella sul singolare connubio tra Mario Giacomelli e Edmo Leopoldi, realizzata grazie alla ricerca di Simona Guerra sull’archivio Leopoldi. Dall’altro, il viaggio nell’inferno delle miniere di carbone a cielo aperto di Jharia, in India, immortalato dagli scatti di Stefano Schirato. Quelle del duo Giacomelli-Leopoldi sono provini a contatto, ovvero le anteprime di foto aeree delle nostre campagne, click di Leopoldi su indicazione di Giacomelli, refrattario al volo. Campi coltivati e colline, in rigoroso bianco e nero, osservati con occhio chirurgico, si stagliano e sono scanditi dall’alternarsi di luci ed ombre, in un contrasto quasi sonoro. Con Schirato, invece, ci si affaccia su di un mondo tanto vero quanto irreale, animato da una umanità dolente, ferita nel corpo e nello spirito. La terra, violentata, diviene il palcoscenico in cui donne e bambini, giovani e vecchi si muovono come ombre, immensa cassa di risonanza del dolore umano.

image2

Immagini più narrative, cui se ne accostano altre, di più immediata potenza pittorica. L’iniziativa, organizzata nell’ambito dell’Effeuno festival, regala forti emozioni. Da non perdere.

A cura di Marco Torcoletti 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.