A Maiolati, raccolta di medicinali per Gaza | Password Magazine

A Maiolati, raccolta di medicinali per Gaza

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI – L’Amministrazione comunale di Maiolati Spontini scende in campo a favore delle popolazioni martoriate di Gaza con un’iniziativa concreta di sostegno ai civili. Si tratta di una raccolta di medicinali che saranno inviati, tramite la onlus “Music for peace”, agli ospedali di Gaza, in Palestina. L’idea è della consigliera di maggioranza Irene Bini e si ricollega ad un ordine del giorno, che sarà presentato nel prossimo Consiglio comunale previsto a fine settembre, cui stanno lavorando il gruppo consiliare Sinistra Unita, che l’ha promosso, e il Pd, che l’ha condiviso. Un ordine del giorno nel quale si invoca una “Cultura di pace nel mondo e in modo particolare in Palestina”, si esprime la ferma condanna per le stragi civili, si chiede al Governo italiano di adoperarsi a sostegno della pace, ma si impegna anche la giunta comunale a costruire solidarietà concreta. Da qui l’accoglimento dell’iniziativa della consigliera Bini, che coinvolge due farmacie del territorio comunale.

“Invitiamo i cittadini di Maiolati, da sempre sensibili a queste forme di solidarietà internazionale – dice la consigliera Bini – a portare a Moie, presso le farmacie Lucarelli e Angelico, che ringraziamo per la disponibilità, medicinali e articoli sanitari, magari che non si pensa di utilizzare. Sarà allestito anche un punto di raccolta presso il dispensario farmaceutico nel capoluogo. I farmacisti sapranno consigliare il tipo di medicinale più indicato, come antibiotici, antinfiammatori, antidolorifici, garze, bende, cerotti e disinfettanti. Saranno utili alle popolazioni civili che hanno bisogno di tutto, a partire dall’assistenza sanitaria. L’appello per la raccolta è aperto anche a tutti i cittadini della Vallesina”.

Da venerdì mattina nelle farmacie che hanno aderito all’iniziativa sarà presente un contenitore per la raccolta. Il primo invio dei medicinali è previsto per il 6 settembre. La consigliera Bini porterà i materiali donati dai cittadini a Jesi, all’associazione Ya Basta, che li spedirà a Genova, alla onlus “Music for peace”. Ma la raccolta non si fermerà. “È previsto un nuovo invio – fa sapere la Bini – a fine ottobre”. Le confezioni di medicinali devono essere integre, con scadenza a partire da ottobre 2015.

“L’iniziativa è pienamente in linea con una sensibilità e un’attenzione alla solidarietà e alla pace da sempre presenti – spiega il sindaco Umberto Domizioli – nella nostra comunità. Invitiamo chi può ad aderire alla raccolta di medicinali, che si è scelto di realizzare con la collaborazione delle farmacie perché così si ha la garanzia di una corretta gestione dei farmaci e di una supervisione da parte di professionisti”.

Se l’iniziativa avrà un riscontro positivo “potranno essere valutate – spiegano i consiglieri del Pd Francesco Perticaroli e di Sinistra Unita Stefania Lucidi – ulteriori possibili progetti di sostegno perché non si può rimanere indifferenti di fronte alle vittime delle guerre che purtroppo hanno sempre più spesso civili e anche bambini come vittime

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.