A Marzocca, torna Demanio Marittimo km 278: la lunga notte dell’architettura

Demanio Marittimo km 278, la lunga notte dell’architettura Torna Venerdì prossimo sulla spiaggia di Marzocca

Foto di Fabrizio Carotti e Marco Tedeschi

MARZOCCA – Venerdì 19 Luglio torna Demanio Marittimo, un progetto- evento dedicato al mondo del design giunto alla nona edizione unico nel suo genere: dura dodici ore, si svolge dalle 6 della sera alle 6 del mattino.  Tutto il meglio dell’architettura contemporanea trova respiro nell’arco di una sola notte, sulla spiaggia demaniale al km 278 di Marzocca di Senigallia.  Un evento coraggioso, per non avere un piano b in caso di maltempo, per essere completamente dedicato al mondo dell’architettura e del design ma anche perché è di massima complessità. Si articola su due o tre palchi con una alternanza di circa settanta ospiti di fama internazionale.

Il progetto è a cura di Cristiana Colli e Pippo Ciorra ed è promosso dalla rivista MAPPE, Gagliardini Editore – con la collaborazione del MAXXI, Museo delle Arti del XXI secolo, del Comune di Senigallia, della Regione Marche e con il supporto di un’ampia rete di imprese, istituzioni e associazioni culturali nazionali e internazionali.

Per l’allestimento dello spazio in riva al mare è stato istituito un concorso di idee e soluzioni con un bando che, tra Febbraio e Luglio, ha visto accadere un piccolo miracolo di progettualità, lavoro e design. Un contest internazionale di progettazione dello spazio che ha saputo coinvolgere giovani talenti della Facoltà di Architettura di Zagabria.

Foto di Fabrizio Carotti e Marco Tedeschi
Demanio 2018

Ne è entusiasta l’ideatrice Cristiana Colli, la quale ci rivela che “il progetto si sviluppa in un breve lasso di tempo e in poco spazio (quello messo a disposizione sulla spiaggia) ma poi si dilata in una realtà aumentata che ha una vita infinita”.

Cristiana Colli – Direttore Responsabile rivista MAPPE
Foto di Fabrizio Carotti e Marco Tedeschi

Perché unire il design e l’architettura con il mare?
La scelta del bene demaniale è concettuale: prima di tutto quello di Marzocca è uno spazio poetico, un luogo inattuale dove restano le memorie delle colonie marine e poi è la spiaggia autentica della tradizione marittima. Mantiene un’identità molto forte legata al rapporto con il mare. Allo stesso tempo è la spiaggia dei desideri: dove allestiamo Demanio Marittimo è uno dei luoghi più celebrati nel mondo della ristorazione internazionale. Siamo infatti di fronte alla Madonnina del Pescatore. Un luogo che unisce i bisogni e i desideri. La matrice originaria del progetto è la rivista di architettura Mappe che promuove l’arte e il design contemporanei, il bene demaniale ricorda proprio questo concetto. Il patrimonio dei beni comuni come le spiagge, ad esempio, può essere valorizzato come location per temi competitivi e collettivi. Questo accade se questi bene sono immessi in una catena di progettualità culturale.
Inoltre, la spiaggia si inserisce in quegli assi orizzontali che sono la lettura essenziale della dimensione adriatica, lineare lungo la costa dove insistono tutte le direttrici: mare, sviluppo, infrastrutture, paesaggio. La spiaggia è una piattaforma progettuale, mette insieme tutti questi fattori legati alla progettualità. È un hub culturale.
Oltre a focalizzare l’attenzione sui giovani talenti dell’architettura, quest’anno a Demanio Marittimo sono stati richiamati i vari past protagonisti delle scorse edizioni che hanno scelto di stare all’estero. A Demanio Marittimo tornano a raccontare le loro esperienze e i loro progetti.

Ogni anno a Demanio Marittimo viene proposto un tema, quest’anno Eurotopia. L’Europa è davvero così utopica?
L’utopia dell’Europa è un tema di grande attualità. Se accostiamo l’Europa alle nuove generazioni, per quelli degli Anni 80-90, è il naturale spazio professionale nel quale muoversi. È uno spazio complesso, coesistono molte culture, conflitti e contraddizioni di una grande parte della storia contemporanea, ma l’Europa è anche una grande opportunità. In qualche modo è un’utopia. È un contenitore di comunità ma anche di culture. Avere poi la dimensione adriatica e transfrontaliera ci fa interrogare ancora di più sul tema dell’Europa. Quella è una parte essenziale del continente in termini di tracciati culturali ma non è così scontato che le interazioni avvengano in modo facile. Eurotopia, in qualche modo è anche porcela come sfida. L’Europa non si può limitare alle sole funzionalità.

Foto di Fabrizio Carotti e Marco Tedeschi

Grande sostegno di Gagliardini Srl, azienda di Monte Roberto operativa nel mondo dell’edilizia e del design, una realtà di provincia ma che sa comunicare l’architettura a tutti, in particolare alle nuove generazioni.
Demanio Marittimo è un’emanazione della progettualità culturale di Gagliardini Srl che ha messo a disposizione di questo territorio circa trent’anni di investimento in cultura per la comunità. La rivista Progetti nasce più di venticinque anni fa ed è ancora l’unico strumento a rappresentare la trasformazione del territorio marchigiano e della qualità professionale delle filiere legate al costruire e al progettare. L’azienda Gagliardini, con le tante attività che rimandano alla piattaforma di comunicazione integrata MAPPELab costituita dalla rivista MAPPE, dal progetto Demanio Marittimo e dal portale Mstore che fa incontrare progettisti e artigiani, ha sviluppato al proprio interno una vera impresa culturale.
Le Marche è una terra che si percepisce molto al passato, fa fatica a raccontarsi nel contemporaneo, beh credo che lo sforzo che questa grande azienda sta facendo sia un unicum, almeno nelle Marche.

A cura di Catiuscia Ceccarelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*