A Milano, vie al femminile per l'8 marzo | Password Magazine

A Milano, vie al femminile per l’8 marzo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
A Milano, vie al femminile per l'8 marzo

MILANO Nella notte fra il 5 e il 6  marzo, per qualche ora, il Foro Bonaparte di Milano era diventato Foro Tina Modotti, fotografa, attrice, militante rivoluzionaria, 1896-1942. Non solo: altre vie della città lombarda hanno visto i propri nomi modificati dal gruppo femminista “Non una di meno”. Come riportato da La Stampa, infatti, alcune vie di Milano con nomi maschili sono state cambiate con degli altri nomi femminili in vista dell’8 marzo, la Giornata Internazionale della donna.

8 marzo milano
fonte: Profilo Instagram: Non una di meno Milano

Oltre alle vie modificate (nei giorni precedenti) e ad alcuni manifesti sparsi in tutta la città, l’8 marzo ci sono state manifestazioni e flash mob con cori, cartelloni e sit-in, prima del grande evento generale in Piazza Duomo. Ragazze, teenager e in generale donne di tutte le età si sono date appuntamento nel tardo pomeriggio davanti al Duomo per far sentire la propria voce contro le difficoltà con cui il genere femminile è costretto a combattere nella società. Dalla rappresentazione in Parlamento e in generale nella politica alle differenze salariali. Dalle violenze fisiche alla discriminazione.

https://www.instagram.com/p/CME3mZlMDpF/

Flash Mob – Ma in città ci sono stati ritrovi e manifestazioni in diverse zone del centro. Il collettivo “Non una di meno”, nei giorni scorsi, sui social aveva chiesto a chi volesse aderire di scegliere di scioperare durante l’8 marzo per protestare contro la disparità di genere. Così è stato organizzato un flash mob la mattina a Piazza Affari, con molti diti medi alzati verso la sede della borsa (e in cui è presente anche una statua dell’artista Maurizio Cattelan raffigurante proprio un dito medio alzato) in segno di protesta. A esse si sono uniti anche alcuni collettivi studenteschi per protestare contro la chiusura degli istituti scolastici. Come hanno spiegato alcuni manifestanti a Milano Today, “Oggi siamo insieme in piazza perché l’educazione alla parità di genere deve partire anzitutto dalla scuola e dalle famiglie”.

I flash mob e le manifestazioni sono continuare per tutta la giornata in altri punti del centro di Milano, come Piazza Vetra e Piazza Cairoli (dove per tutto il giorno è rimasto appeso uno striscione con scritto “la scuola si-cura non si chiude”). Nel tardo pomeriggio, invece, è arrivata la grande manifestazione in Piazza Duomo. Gli organizzatori hanno allestito un palco su un piccolo furgone davanti all’altezza del Museo del Novecento e da lì sono partiti i discorsi e i cori che hanno coinvolto tutti i manifestanti della piazza, con parrucche fucsia e striscioni. Sono stati letti i nomi delle donne uccise da inizio anno a oggi in Italia – come ha fatto anche il Presidente della Repubblica Mattarella nel suo discorso di ieri – e per sottolineare la causa dei maltrattamenti e della violenza sulle donne è stata data voce anche ad alcuni esponenti dei Centri Antiviolenza. Prima dell’inizio dei discorsi, sono state fatte suonare le sirene delle ambulanze per sottolineare il grave momento di difficoltà che stanno vivendo le unità sanitarie.

Una situazione di assembramento e, va detto, non proprio tutti con le mascherine, ma non si sono registrati problemi di ordine pubblico. I problemi, più che altro, erano stati annunciati nei giorni scorsi a causa dello sciopero del personale ATM (il trasporto pubblico milanese) dichiarato proprio per l’8 marzo, ma anche in questo caso, non sono stati denunciati particolari disagi alla circolazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.