Banner Aprile IH Victoria

A Palazzo dei Convegni una mostra dedicata a Carlo Urbani

JESI – In apertura, dal 10 al 25 Novembre 2018 a Palazzo dei Convegni dalle ore 10.30, una mostra in ricordo del medico marchigiano Carlo Urbani, scomparso prematuramente il 29 Marzo 2003.

Con la direzione di Francesco Vintrici, la mostra, allestita lo scorso anno al Museo Omero di Ancona, ha lo scopo di realizzare una ricostruzione quanto più sincera ed esaustiva dell’avventura umana e scientifica del nostro concittadino che diagnosticò per primo la SARS (Sindrome Respiratoria Acuta Grave), rimanendone egli stesso vittima. Una figura, quella di Carlo Urbani, dalle mille sfaccettature: padre, medico, filantropo, uomo, ma anche Premio Nobel per la Pace nel 1999.

“Siamo veramente onorati nell’ospitare questa mostra fotografica e documentaria – che ha avuto l’alto Patronato del Presidente della Repubblica e il patrocinio dei Comuni di Jesi e Castelplanio, della fondazione Cassa di Risparmio di Jesi e dell’Università di Camerino– che ha un lascito dell’uomo e del medico che era Carlo Urbani. Il nostro ospedale civico è intitolato a lui, che ha affermato che la salute e la dignità sono l’impegno dell’essere umano. Questa è la sua grande eredità, che i nostri medici e i nostri pazienti stanno adottando. La sede della mostra è stata inoltre scelta per la sua facile accessibilità.” commenta, emozionata, l’Assessore alla sanità e ai servizi sociali, Marialuisa Quaglieri.

Con l’occasione, verrà consegnato anche il premio “Carlo Urbani”, giunto ormai alla sua terza edizione, titolo riservato ai giovani medici e biologi: la cerimonia di consegna avverrà sabato 10 Novembre alle ore 11.30 a Palazzo Bisaccioni.

“Siamo sempre più esterrefatti su quanto la figura di mio padre, a 15 anni dalla sua scomparsa, abbia ancora così tanta rilevanza. Da parte della famiglia c’è sempre il timore su quanto stiamo facendo in sua memoria, chiedendoci se lui avrebbe voluto queste manifestazioni, ma vedendo la reazione della gente, crediamo che il suo lascito sia importante, soprattutto per le nuove generazioni. Per questo cerchiamo un costante contatto con le scuole” sono le parole di Tommaso Urbani, figlio di Carlo e Presidente AICU, la onlus fondata in suo onore dai colleghi e dagli amici – Il bisogno c’è ovunque, diceva mio padre, e noi stiamo andando avanti seguendo le sue parole. La mostra è molto bella perché dà la possibilità di capire il percorso normale, diciamo naturale, di un uomo che intraprende il sogno di diventare medico”.

In rappresentanza poi del comitato AICU è intervenuto anche Gianfranco Biancini, che ha spiegato il percorso di lettura e di realizzazione della mostra, che si articolerà in 4 settori: uno tratterà la storia della vita di Carlo Urbani e della SARS, un altro tratterà più la parte dell’uomo comune e delle sue numerose passioni, dalla poesia alla famiglia, un terzo settore tratterà la professione, e saranno messi in mostra non  solo i suoi strumenti da lavoro, ma anche lo smoking che indossò a Oslo in occasione del Nobel. Il quarto settore, che guarda più al futuro, è quello relativo alle speranze, ai progetti di vita di Urbani, l’eredità che ha lasciato.

La mostra ospiterà inoltre tre importanti appuntamenti: il 16 Novembre alle ore 17.30 si terrà il convegno “Ricerca e innovazione al servizio della società”, venerdì 23 Novembre alle ore 17.30 invece gli amici di Carlo Urbani racconteranno la sua vita durante un incontro intitolato “Dalla terra di origine verso il mondo”, mentre il 25 Novembre alle ore 16.30 ci sarà un incontro di natura spirituale che ritrae Carlo Urbani come “Una luce di pace”.

L’ingresso alla mostra è libero.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.