A Pesaro il murale simbolo della lotta al Covid: raffigurata anche la jesina Chechile | Password Magazine

Festival Pergolesi

A Pesaro il murale simbolo della lotta al Covid: raffigurata anche la jesina Chechile

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
PESARO – Inaugurata a Pesaro l’opera per ricordare le vittime del Covid-19 e chi ha protetto la comunità.

«Ora guardiamo con speranza al futuro – fa sapere il sindaco Matteo Ricci -. Pesaro ricorda per sempre chi ci ha lasciato e chi ci protetto dal Covid-19. Un murale di circa 40 metri, diviso in 7 spot, realizzato dall’artista Tony Cuboliquido, in arte posizionato di fronte ad uno dei luoghi simbolo della lotta al Covid-19: l’Ospedale San Salvatore».

Un riconoscimento per tutti coloro che hanno combattuto in questi difficilissimi mesi contro un nemico invisibile, dando l’esempio: «Medici, infermieri, operatori sanitari, che hanno lottato per la nostra salute. Nessuno dimenticherà ciò che avete fatto per la comunità. Lo scorso anno siamo stati letteralmente travolti dal Covid-19, abbiamo perso tantissimi cari e il dolore più grande è stato proprio quello di non poterli salutare. Una tragedia immane, uno strazio. Oggi, viviamo un clima diverso la campagna di vaccinazione sta dando i suoi frutti, l’invito è quello a vaccinarsi perché per sconfiggere il virus non c’è altra possibilità: la partita si vince raggiungendo l’immunità di gregge. Grazie al 28°Reggimento, al Ministero della Difesa per questa bella opportunità che ci ha dato, all’artista, a Massimiliano Santini che ha trovato un luogo simbolico forte e spettacolare».
I mulares sono stati dipinti su pannelli di compensato marino, utilizzando vernici traspiranti green, con il sostegno dell’impresa pesarese Bartoli Vernici, sempre a supporto dei progetti artistici a favore della città.
Tra i soggetti raffigurati, i cittadini che si sono distinti per aver protetto o aiutato, attraverso il loro gesti, chi le persone in difficoltà. Come Rosa Maria Lucchetti, Cavaliere al Merito della Repubblica; Enrico Mancinelli, giovane ragazzo pesarese che ha emozionato con il suo violino; Olivia Giorgi, infermiera in prima linea nella lotta al Covid-19; Maria Teresa Chechile, la poetessa-infermiera jesina.
Poi i medici, i volontari della Protezione Civile Pesaro, Croce Rossa Italiana – Comitato di Pesaro, Quartieri. Un gruppo di persone che unite hanno fatto la storia.
«Grazie a tutti coloro che ci hanno protetto, un abbraccio ai familiari di chi non c’è più – ha detto Ricci –
Guardiamo con speranza al futuro, dobbiamo avere la forza di ripartire».
Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.