A San Giuseppe, si scambiano mascherine con il cibo: raccolta solidale | Password Magazine
Festival Pergolesi

A San Giuseppe, si scambiano mascherine con il cibo: raccolta solidale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Mascherine in cambio di cibo e beni di prima necessità.  Proseguirà per tutto il mese di settembre l’iniziativa di trenta nonne di San Giuseppe che, all’interno dei locali parrocchiali, hanno trascorso l’estate a cucire e ricamano mascherine da donare ai bambini delle scuole cittadine. Loro che, da 40 anni insegnano l’arte dell’ago e filo a bambini e bambine nei centri estivi, con lo stop imposto dal covid hanno deciso di non rimanere con le mani in mano. Ogni lunedì, dalle 18 alle 19, allestiscono un banchetto all’aperto, davanti ai locali parrocchiali, scambiando mascherine con pacchi di pasta e cibo da raccogliere e destinare alle famiglie meno abbienti del quartiere: «Una sorta di baratto – spiegano le due sarte Maria Pia e Velma, in rappresentanza del gruppo – dove non chiediamo soldi ma generi alimentari e di prima necessità per le famiglie che ne hanno bisogno, soprattutto in questo periodo difficile». La raccolta sta andando molto bene, al punto che ogni lunedì, dalle 18 alle 19, le volontarie allestiscono il loro banchetto all’esterno della parrocchia di San Giuseppe, dando via centinaia di mascherine in cambio di generi di prima necessità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.