A scuola sicuri, 1500 le famiglie che hanno aderito allo screening | Password Magazine

A scuola sicuri, 1500 le famiglie che hanno aderito allo screening

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sono 1500 le famiglie che hanno aderito allo screening rivolto alle scuole al Palazzetto dello Sport. La campagna, che proseguirà anche domani allargandosi anche agli studenti di seconda e terza media, permette alle famiglie di sottoporre i propri figli al tampone gratuito per tornare mercoledì a scuola in assoluta sicurezza.

Al termine di questa prima intera giornata di lavoro – coincisa con la festività di Pasquetta – l’Amministrazione comunale ha ringraziato la Croce Rossa che ha organizzato l’iniziativa d’intesa con il Comune, al personale medico dell’Asur ai medici volontari della Caritas, ai volontari dello Iom, all’associazione Carabinieri in Congedo che ha curato la logistica e soprattutto ai Dirigenti scolastici che hanno contribuito a sensibilizzare le famiglie sull’importanza di questo screening di massa. «Abbiamo tutti insieme dato una grande dimostrazione di forte senso di appartenenza alla comunità. Grazie di cuore».

20210405_123609

«Più del 50% dei ragazzi ha aderito, un risultato importante reso possibile grazie a una rete organizzativa fondamentale – sono le parole dell’assessore alla Sanità Marialuisa Quaglieri. Insieme alla dott.ssa Annamaria Totaro di Radiologia e alla dott.ssa Antonella Bonucci, primario di Pediatria, abbiamo pensato fosse importante coinvolgere in questa campagna il personale Asur del reparto di Pediatria del Carlo Urbani per eseguire i tamponi ai bambini».

«Dato che spesso i bambini risultano asintomatici o paucisintomatici – ha spiegato la dott.ssa Bonucci -, il reperire anche un solo positivo ha un significato clinico importante. Significa evitare contagio di altri 25 compagni di classe, nonni e persone fragili a contatto stretto».
Presenti stamani alla presentazione del servizio, i rappresentati delle realtà coinvolte nello screening: il presidente della Croce Rossa di Jesi Francesco Bravi, il direttore della Caritas Marco D’Aurizio e i dirigenti scolastici degli istituti comprensivi prof. Gilberto Rossi (Carlo Urbani), prof.ssa Lidia Prosperi (San Francesco), prof.ssa Sabrina Valentini (Lorenzo Lotto) e la prof.ssa Maria Bini in rappresentanza dell’istituto Federico II.
«Un grande senso di responsabilità dei genitori e dei ragazzi – ha detto il sindaco Massimo Bacci -. fondamentale perché ci permette di contemperare l’esigenza di avere i ragazzi in classe in presenza e tutelare la salute»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.