A spasso con Fido, prime multe per maltrattamenti e cani abbandonati | | Password Magazine

A spasso con Fido, prime multe per maltrattamenti e cani abbandonati

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Continuano i controlli di vigili urbani e guardie zoofile in città, al fine di educare e informare i cittadini in merito all’ordinanza “A spasso con Fido” e sanzionare quegli atteggiamenti che violano i principi di decoro urbano e rispetto dell’animale.

Sono circa tre i soggetti multati negli ultimi dieci giorni dalla Polizia municipale per comportamento negligente del padrone nei confronti del proprio cane.

Prima di Ferragosto, i controlli si sono concentrati fuori dal centro storico e in particolare, nella zona di via San Giuseppe, Campo Boario e nell’area prossima a Porta Valle.

Tra i comportamenti sanzionati dalla Polizia locale l’abbandono dell’animale e il cane legato a catena, sanzionabili secondo il regolamento comunale con multe fino a 150 euro. Al fianco del regolamento, c’è pure la nuova ordinanza “A spasso con Fido” che invece applica una multa di 50 euro a chi non rispetta ad esempio l’obbligo di lavare via immediatamente le deiezioni liquide e lo sporco lasciato dalle deiezioni solide. Su questo aspetto, i vigili urbani hanno però riscontrato che «molti si sono adeguati all’ordinanza, pulendo con dell’acqua le deiezioni dei propri cani e munendosi di sacchetti e contenitori pronti all’uso, segno che la campagna di informazione e sensibilizzazione ha raggiunto l’obiettivo».

Il vice comandante Filippo Peroni e il capitano Anna Grasso della Polizia locale di Jesi,  che si è occupata direttamente dell’ordinanza, raccomandano però di prestare attenzione a non lasciare il cane libero di vagare fuori per la strada: è un atteggiamento sanzionabile, in quanto mette a rischio prima di tutto l’animale.
Gli obblighi devono essere rispettati nelle aree attrezzate dei parchi pubblici o in altri tipi di aree ritenute idonee. Divieto assoluto per i cani inoltre nelle prossimità di aree giochi per bambini, d’altra parte però l’accesso ai parchi non sarà più vietato e verranno rimosse a breve le segnaletiche che ne indicavano il divieto.

Sono stati effettuati controlli congiunti anche con l’Asur, nei casi di segnalazione di incuria o maltrattamento.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.