A Tirreni, una via dedicata allo jesino Sedulio Brazzini | Password Magazine

A Tirreni, una via dedicata allo jesino Sedulio Brazzini

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

In foto, il  nipote omonimo di Sedulio Brazzini

JESI – Lo scorso 30 settembre, in occasione della ripresa dei lavori del Consiglio Comunale, il Presidente dell’assemblea cittadina, Avv. Daniele Massaccesi, tra le altre iniziative e comunicazioni, ha voluto ricordare un Eroe della Prima Guerra Mondiale che, pur non essendo nato  a Jesi ha lasciato tracce significative nella città di Federico II e Pergolesi. Ha ricordato Sedulio Brazzini, nato a Cava de’ Tirreni (SA) il 18 luglio 1883, deceduto a Vertojba inferiore (all’epoca frazione di Gorizia, oggi in Slovenia) l’11 ottobre 1916. E’ morto in combattimento Sedulio Brazzini, comportandosi eroicamente nel guidare il plotone da lui comandato all’attacco dell’avversario; un comportamento talmente coraggioso che i suoi superiori decisero di premiarlo conferendogli una Medaglia di Bronzo al Valor Militare; benemerenza che è andata ad aggiungersi alle croci di guerra precedentemente ricevute.

Sedulio era figlio di Elisabetta Bellini e Tebaldo Brazzini, nato, questo, a Sansepolcro (AR), Ispettore dei Monopoli di Stato che nel corso della sua carriera era stato inviato a Cava de’ Tirreni là dove all’epoca era operativa una manifattura tabacchi. Durante la permanenza in terra Campana nacque Sedulio che rimase a cava per pochissimi anni, fino a quando suo padre non fu comandato di ispezionare la manifattura tabacchi di Chiaravalle (AN). Non si è riusciti a stabilire l’anno del trasferimento, ma si sa che Sedulio compì gli studi a Jesi dove, nel 1905, conseguì il diploma in “Agrimensura” all’Istituto Tecnico “P. Cuppari”. Assunto al Regio Catasto, per motivi di lavoro andò in diverse città d’Italia tra le quali Messina, colpita nel 1908 da un gravissimo terremoto. Si sposò a Jesi, sempre nel 1908, con Vittoria Serrani, una giovane diplomata maestra dalla quale ebbe quattro figli: una femmina morta piccolissima e tre maschi – Ezio, Italo Mario e Uberto.

Allo scoppio del primo conflitto mondiale, Sedulio fu mobilitato ed assegnato alla Scuola Ufficiali dell’Esercito. Con il grado di Sottotenente fu assegnato al 12° Reggimento Fanteria diventando protagonista di molti episodi bellici che, come sopra riportato, gli valsero alcuni riconoscimenti.

Arriviamo alla tragica fine dell’eroe. L’11 ottobre 1916, nel corso di un’aspra battaglia combattuta eroicamente, Sedulio fu colpito a morte dal nemico; i suoi superiori lo segnalarono per il conferimento di una onorificenza; era una Medaglia di Bronzo al Valor Militare concessa con la seguente motivazione: “a circa 50 metri dal nemico, sotto un vivo fuoco di fucileria e bombe, spiegò singolare energia e valore nel tenere saldo il reparto sulla posizione raggiunta. Cadde poi colpito a Morte”.

La storia di Sedulio Brazzini venne a conoscenza del prof. Salvatore Fasano di Cava de’ Tirreni, cultore, tra gli altri interessi, delle storie locali che nel 1997 prese contatto con uno degli eredi dell’eroe, quello al quale fu imposto il nome del nonno. Il professore era stato nominato nella commissione toponomastica del Comune di Cava e, venuto a conoscenza delle gesta eroiche di quel “figlio” di Cava de’ Tirreni, propose di intitolargli una strada cittadina. Sono trascorsi quasi venti anni dal primo contatto con la città campana dove, alla vigilia delle ultime consultazioni per il rinnovo dei vertici comunali, la tabella indicante “via – Sedulio BRAZZINI – Sottotenente. Medaglia di Bronzo al V.M. Cava de’ Tirreni 1883 – Vertojba Inf. (Slo) 1916 – Loc. S. Rosa”.

L’11 ottobre scorso, ricorrendo il centenario della morte di quel Sedulio Brazzini, due suoi nipoti – Sedulio ed Enrico Brazzini – si sono recati a Cava de’ Tirreni per rendere omaggio al loro nonno; nella città campana sono stati ricevuti dal Sindaco, Dott. Vincenzo Servalli ricevendo dallo stesso l’assicurazione della prossima inaugurazione ufficiale della via, rinviata fino ad oggi per problemi burocratici. Per ringraziare il primo cittadino per l’accoglienza cordiale e la disponibilità a continuare la collaborazione i Brazzini hanno fatto dono di una confezione di “Verdicchio” messa loro a disposizione dalla Fazi Battaglia. Con l’occasione i fratelli Brazzini hanno anche contattato telefonicamente l’ultra novantenne Salvatore Fasano, iniziatore di una “avventura” nella quale ha sempre prevalso il senso del ricordo, della famiglia, della Patria e dei valori umani.

Sedulio Brazzini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.