A tu per tu con Alexia: "Ragazzi, nella musica bisogna crederci fino in fondo". | Password Magazine
Festival Pergolesi

A tu per tu con Alexia: "Ragazzi, nella musica bisogna crederci fino in fondo".

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Una piazza della Repubblica gremita ad accogliere Alessia Aquilani, alias Alexia, la reginetta della dance, ospite ieri sera del concerto “Io No” organizzato dalla Scuola Musicale ‘G.B.Pergolesi’ di Jesi per la direzione artistica di Giovanni Brecciaroli, con il patrocinio del Comune di Jesi e della Provincia di Ancona. Quattordici le canzoni in scaletta per raccontare la storia musicale di questa brava cantautrice, compositrice, arrangiatrice e produttrice discografica italiana, una delle poche a scrivere di suo pugno i testi in inglese.

“Non è la prima volta che la Scuola Pergolesi propone artisti importanti che uniscono le caratteristiche di bravura a profonde doti umane – commenta l’Assessore alla Cultura del Comune Luca Butini – rappresentando quindi un esempio per i giovani allievi dell’istituto musicale jesino. Artisti scelti con cura, che possano essere ricordati anche dal punto di vista umano. Grande apprezzamento da parte dell’Amministrazione comunale per la Scuola, che nonostante le difficoltà economiche del momento, si conferma un punto di riferimento del territorio”.
Il nuovo singolo “Io No” ha anticipato l’uscita della nuova raccolta “iCanzonissime”, intanto Alexia fa ballare la città con le sue più belle hit, da “Ti amo ti amo” a “Egoista”, “Uh la la la”, “Guardarti dentro”, “Grande Coraggio”, “Happy”..

Nuovo tour, nuovo album…qualche anticipazione?
“Il nuovo lavoro è una raccolta di cover – dichiara Alexia – nata a dire la verità, per caso. Volevo realizzare un album di inediti, che poi è stato momentaneamente sospeso per far spazio a questo album di cover nato da un’idea del pubblico, sulla scia di Canzonissima. Gran parte delle canzoni sono proprio quelle presentate durante il programma, più un inedito e altri miei brani riarrangiati in chiave dance, come ad esempio ‘Biancaneve’, un brano molto commovente che ho dedicato a mio padre e che sarà reinterpretato insieme a un gruppo di valide strumentiste. Poi una nuova versione di ‘Per dire no’ con cui ho vinto Sanremo nel 2003, riproposta in inglese”.

Come si sente a cantare sul palco assieme a cento allievi della Scuola Musicale Pergolesi?
“Mi emoziona, mi sorprende che la mia musica e la mia storia vengano prese in considerazione da un conservatorio. E credo che questi ragazzi siano molto fortunati, io per studiare dovevo lavorare. E lavorare era cantare. Per cui ero vista nell’ambiente in modo un pò bizzarro, studiavo canto lirico al mattino e la sera suonavo nei locali musica pop e cantavo cover. Ma in questa professione bisogna spaziare, servono tutte le discipline dalla musica classica al solfeggio, al pianoforte…come ho fatto io. E sono orgogliosa di essere a Jesi e suonare con questi ragazzi, spero di essere per loro un esempio positivo, al di là del genere musicale che ho sempre portato nel mondo con molta umiltà”.

Quale consiglio si sente di dare agli studenti della Pergolesi?
“Di credere fino in fondo in quel che fanno, di studiare e portare avanti il loro sogno fino in fondo anche se il loro amore per la musica potrebbe richiedere sacrifici”.

Per tutti Lei è la reginetta della dance: un’etichetta che le pesa o la rende orgogliosa?
“Assolutamente, è una posizione che ho nel panorama musicale, salda e di cui sono orgogliosa. Molti rimpiangono quel periodo, un momento storico bellissimo vissuto e della  cui musica tanta richiesta da parte dei locali. E poi a me piace musicalmente spaziare nei generi..”.

A quale dei suoi tanti successi tiene di più?
“Tengo a tutti perchè tutti rappresentano un momento diverso, di crescita e popolarità. Dovessi indicarne due in particolare, direi ‘Uh la la la’ che mi ha dato grande popolarità a livello internazionale, poi ‘Dimmi come’ portato a Sanremo con grande successo di critica quando molti pensavano che fosse troppo avanti per una cantante che faceva pop”.

Comunicato da: Scuola Musicale G.B. Pergolesi. A cura di: Talita Frezzi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.