A zig zag nel traffico per "un brindisi" di troppo, alla Polizia dice: «In alto i calici!» | Password Magazine

A zig zag nel traffico per “un brindisi” di troppo, alla Polizia dice: «In alto i calici!»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
ANCONA – Con il concorso delle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine di Perugia che hanno rafforzato il dispositivo messo in campo dal Questore di Ancona, il santo Natale è trascorso all’insegna della sicurezza nel capoluogo dorico.
Solo nella giornata di Natale sono state controllate 158 persone di cui 19 di nazionalità straniera e 41 veicoli.
A seguito dei controlli veniva denunciato un cittadino di nazionalità peruviana di 57 anni, perchè girava in zona “Baraccola” alla guida di un’autovettura di piccola cilindrata zigzagando nel traffico in stato di ubriachezza .
Sceso dall’auto, con le gambe malferme,  lo straniero riferiva ai poliziotti di aver brindato “solo un pò”  per festeggiare e li invitava ad alzare i calici insieme a lui “solo per altre due volte”, giurando alla Pattuglia che fino alla sera non avrebbe più toccato vino, mentre incrociava le dita e le portava al naso, esclamando di non trovare la bocca.
Tra le 188 telefonate,  arrivate in sala Operativa nella giornata natalizia, una in particolare inorgoglisce la Polizia, quella di una signora che riferiva di aver ricevuto verso le ore 15 una telefonata da parte di un sedicente avvocato che le chiedeva un’ingente somma di denaro come saldo di una sanzione a seguito di una contravvenzione elevata al figlio.
Il malfattore le spiegava che il figlio aveva causato un incidente di poco conto e che il veicolo era privo di regolare copertura assicurativa e pertanto lei doveva pagare quella somma per mettere le cose a posto.
La signora classe ’40 con voce arzilla al 113 riferiva che aveva scoperto la truffa e, quando il suo interlocutore la incalzava per accordarsi sul luogo dove la signora doveva portarle la somma di denaro, lei gli urlava contro “Non mi inganni, la Polizia ha detto di non crederci e tu sei un imbroglione!!! “
Dopo aver ricevuto i complimenti da parte dell’operatore del 113 , la signora lo ringraziava facendo gli auguri di un sereno Natale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.