Abbandona televisore in strada, multato di 1200 € | | Password Magazine

Abbandona televisore in strada, multato di 1200 €

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Ha abbandonato un vecchio televisore in prossimità di un contenitore dei rifiuti, pensando che qualcuno del servizio di igiene urbana prima o poi lo avrebbe tolto di lì. Doppio errore: primo, è vietato abbandonare i rifiuti in strada, ancorché vicino ai cassonetti; secondo, il televisore è considerato un rifiuto speciale e dunque da smaltire secondo le procedure previste per legge.

È andata male ad uno jesino di mezza età, inchiodato qualche giorno fa dalla telecamera mobile della Polizia municipale mentre ha accostato l’auto, ha preso il voluminoso televisore e lo ha lasciato tranquillamente sul ciglio della strada, per poi risalire in macchina e ripartire. Con il numero di targa ripreso dalla telecamera, il cittadino è stato rintracciato e convocato presso il comando di polizia municipale. Di fronte all’evidenza del video che gli è stato mostrato, si è assunto le proprie responsabilità, ricevendo una sanzione da 1200 euro come previsto dalle norme di legge.

Una multa che avrebbe potuto evitare se solo si fosse recato al Centro Ambiente del campo Boario, in viale Don Minzoni dove tutti i giorni – dal lunedì al venerdì sia la mattina che il pomeriggio ed il sabato solo la mattina – è possibile per i cittadini di Jesi conferire gratuitamente qualsiasi tipo di rifiuto dietro la semplice comunicazione del proprio nominativo. Non solo, per coloro che hanno difficoltà a portare rifiuti ingombranti al Centro Ambiente, è stato istituito da Jesiservizi il ritiro a domicilio dietro prenotazione allo 0731 538233 (con possibilità di consegnare tre oggetti per volta, di cui il primo gratuitamente).

La sanzione al cittadino che ha abbandonato il televisore è finora la più salata comminata a quanti abbandonano i rifiuti in città ed individuati grazie alle telecamere. Dall’inizio dell’anno sono state elevate una ventina di sanzioni, da 50 euro ciascuno, equamente distribuite tra cittadini fuori Comune che lasciano i propri rifiuti nei cassonetti della nostra città e tra jesini che li abbandonano dove è vietato.

Le telecamere mobili sono posizionate in punti strategici a controllo di aree a maggior rischio di abbandono rifiuti. Attraverso appositi sensori entrano in funzione nel momento in cui vi sono movimenti e riprendono puntualmente il tutto che poi viene visionato dagli agenti della Polizia municipale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.