Aborto, in mille in piazza: «Indietro non si torna su l. 194» | Password Magazine

Aborto, in mille in piazza: «Indietro non si torna su l. 194»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto da Altra idea di città

ANCONA – «Eravamo una marea ed è solo l’inizio!». Così dicono le manifestanti che ieri pomeriggio hanno preso parte all’evento di protesta «194. Indietro non si torna!». La manifestazione si è svolta alle 16.30 in Piazza Roma, nel mezzo del Corso principale di Ancona: sono circa un migliaio le persone che con striscioni e cartelli vi hanno partecipato, con l’adesione di 79 tra partiti, associazioni e movimenti di sinistra e di varia ispirazione.

Presenti anche diversi componenti del Gruppo consigliere Pd Marche: il capogruppo Maurizio Mangialardi, l’ex presidente dell’Assemblea Antonio Mastrovincenzo e la consigliera Manuela Bora.
È intervenuta anche la deputata ed ex presidente della Camera Laura Boldrini.
FB_IMG_1612708114737
Laura Boldrini alla manifestazione di protesta: «In piazza ad Ancona per la libertà e la salute delle donne – ha detto – Alla peggior destra di sempre, che guida la regione Marche, abbiamo ricordato che non consentiremo alcun assalto ai diritti, all’autodeterminazione, ai valori antifascisti e democratici»
A scatenare la protesta in piazza la bocciatura in Consiglio regionale da parte della maggioranza della mozione del Pd che chiedeva il rispetto delle linee guida del ministero della Sanità sull’attuazione della legge 194 e in particolare la possibilità di somministrare la pillola abortiva Ru486 anche nei consultori.
«La giunta Acquaroli appena insediata attacca la legge 194 e vieta la distribuzione della pillola abortiva RU 486 nei consultori – sostengono le manifestanti – Riteniamo dunque che sia necessario e urgente respingere questo attacco volgare con la dovuta forza e determinazione e di iniziare a costruire una lotta politica, sociale e culturale a difesa dei diritti e dei valori democratici».

Ad indignare i manifestanti anche le parole del capogruppo di Fdi Carlo Ciccioli che, in quell’occasione, aveva parlato dell’aborto come di una «battaglia di retroguardia» sottolineando invece il problema della «denatalità» e i rischi di «sostituzione etnica».

Polemiche c’erano già state inoltre per le prese di posizione su aborto dell’assessore regionale alle Pari Opportunità Giorgia Latini.

Entrambi, secondo quanto riporta anche ANSA, «non hanno ‘messo in discussione’ la ‘194’, ribadendo la necessità invece di una ‘corretta e piena applicazione’ della legge».

In piazza ad Ancona tra gli altri anche Rifondazione Comunista, Potere al Popolo, Art.1, Potere al Popolo, Azione; ma anche Dipende da Noi, Jesi in Comune, Altra idea di Città, Casa delle Donne Jesi, Marche Pride, Anpi, Arcigay, Usb, Anarchici, Giovani Democratici, Unione atei agnostici e razionalisti e altri.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.