«Accerchiata e infastidita da minorenni in un negozio, volevano controllarmi la borsa» | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

«Accerchiata e infastidita da minorenni in un negozio, volevano controllarmi la borsa»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine di repertorio

JESI –  «Stavo facendo acquisti in un negozio quando un gruppo di minorenni mi ha accerchiata tra gli scaffali, senza lasciarmi via di fuga». É il racconto di una trentenne jesina, avvicinata e infastidita da una baby gang in un negozio di generi vari presente in città:  «Erano almeno in quattro, tutti d’età compresa tra i 13-14 anni. Mi hanno chiesto di mostrare loro cosa avessi in borsa e nelle tasche – sostiene la ragazza -. Volevano convincermi che erano commessi di quel negozio e che volevano solo accertarsi non avessi rubato niente. Prontamente, ho chiesto loro di mostrarmi il cartellino da dipendente, dato che nessuno di loro indossava la divisa».

A quel punto la trentenne ha chiesto di poter andare alla cassa, per chiedere spiegazioni:  «Ho detto a quei ragazzini che avrei mostrato il contenuto della mia borsa solo davanti alla cassiera – racconta -. A quel punto mi hanno letteralmente ‘scortata’ fino a raggiungere la dipendente dietro al bancone dei pagamenti: a lei ho detto subito di essere stata infastidita da quei ragazzini e accusata per giunta di furto. Imbarazzata, la commessa ha precisato che nessuno di quei quattro lavorava lì. E allora i ragazzini hanno iniziato ad inveire contro di lei, insultandola e deridendola. La dipendente , visibilmente preoccupata, ha chiesto loro di andarsene o avrebbe chiamato i carabinieri. Nel frattempo, appena ho potuto, me ne sono andata». La ragazza ha voluto raccontare questo episodio per denunciare la situazione: «Se al posto mio si fosse trovata una ragazzina minorenne o un’anziana, cosa sarebbe successo? – si chiede -. Se avessi mostrato il contenuto della mia borsa, probabilmente mi avrebbero derubata. Ed è impensabile che una donna, sola, non possa andare a fare la spesa con tranquillità perché rischia di essere infastidita da gruppi di minorenni. Dico ai cittadini di stare attenti a questi ragazzini e di non lasciarsi intimorire: se avete dei dubbi rivolgetevi sempre al personale fidato oppure direttamente alle forze dell’ordine».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.