Accettato lascito Morosetti, la Fontana dei leoni tornerà in piazza della Repubblica | Password Magazine

Accettato lascito Morosetti, la Fontana dei leoni tornerà in piazza della Repubblica

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La fontana dei Leoni tornerà in piazza della Repubblica, suo luogo d’origine. Respinta la proposta di referendum presentata dai gruppi d’opposizione Jesi in Comune e Pd, arrivato in ultimo anche il parere favorevole della Soprintendenza sullo spostamento, dopo ore di discussione il Consiglio comunale ha votato a favore delle disposizioni testamentarie del fumettista milionario Cassio Morosetti.

Dopo la richiesta di rinvio della pratica avanzata dalla consigliera Emanuela Marguccio (PD) per dubbi espressi sul parere legale fornito in merito al testamento, proposta bocciata dalla maggioranza, il Consiglio si è espresso sul il lascito con 13 voti a favore, 8 contrari e 2 astensioni su 23 consiglieri presenti.

Hanno votato contro PD, Jesi in Comune e M5S, astenute le due consigliere di maggioranza Chiara Cercaci (Jesiamo) e Gianna Pierantonelli (Patto x Jesi).

«Sin dal primo momento ho considerato quel lascito come risorse pubbliche che, doverosamente, andavano sottoposte al Consiglio – ha detto il sindaco Massimo Bacci -. Diciamo sì a questo lascito perché rappresenta una visione nuova della città, la città di Jesi e i suoi cittadini ne trarranno beneficio, ne sono convinto».

Gli assessori Roberto Renzi e Luca Butini hanno ribadito le opere che potranno essere realizzate con le risorse residuali, tolta la spesa per il trasferimento della fontana (circa 760 mila euro): abbattimento delle barriere architettoniche cittadine, con tanto di ascensore all’interno del palazzo comunale, restyling piazza della Repubblica secondo un nuovo progetto (respinto infatti dalla Soprintendenza quello presentato dallo studio Sardellini-Marasca) , piazza Federico II nuovo centro culturale capace di interagire con il teatro Moriconi, interventi di completamento del verde per il centro Alzheimer, ripristino della madonnina lauretana seicentesca in prossimità dell’Arco del Magistrato.

Dall’opposizione: «Poco chiari i progetti di riqualifica che riguarderanno le due piazze – è l’intervento del capogruppo del PD Andrea Binci – né si sa come saranno coordinati questi lavori con quelli già in atto lungo Corso Matteotti». Per Samuele Animali (Jesi in Comune): «Sul tavolo lavori ‘sexy’ per poter rendere appetibile un intervento inutile, pur di non lasciare ad altri questi fondi. I lavori ipotizzati restano comunque fuori dai conteggi, quanto si dice che verrà fatto non potrà essere fatto».

Per ottenere l’eredità, la fontana dovrà essere spostata e resa zampillante entro il 22 luglio 2021.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.