Accoglienza e integrazione al centro della Mostra fotografica «Inclusioni» | Password Magazine

Festival Pergolesi

Accoglienza e integrazione al centro della Mostra fotografica «Inclusioni»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Presentata la mostra fotografica Inclusioni – un focus sulla Provincia di Ancona, tratta da un progetto fotografico del fotografo Fabio Mignanelli che ha portato alla realizzazione dell’omonimo libro. Il progetto fotografico presentato nella mostra è stato realizzato nell’ambito del Progetto SAI “Ancona Provincia d’Asilo” del Comune di Jesi/ASP AMBITO 9 per l’accoglienza e l’integrazione dei migranti, sia adulti che minori non accompagnati, progetto gestito dalle cooperative Vivere Verde Onlus, Coos Marche Onlus, Polo9 e Associazione ANOLF Marche, e rappresenta la quotidianità nella Vallesina di 5 beneficiari del progetto SAI, quattro uomini e un nucleo monoparentale composto da madre e figlia di tre anni.

F004B2F0-89D9-4502-A252-0DC302F878EB
Da sinistra: Franco Pesaresi, Direttore ASP 9; Matteo Marasca, Presidente ASP 9; Fabio Mignanelli, Autore e fotografo; Simona Marchegiani, Assistente sociale ASP 9.

«Abbiamo fatto questa mostra per raccontare in modo diverso il lavoro che noi facciamo – afferma il Direttore di ASP Ambito 9 Franco Pesaresi – gestiamo il progetto dei migranti accogliendo delle persone e preparandole ad uscire da una situazione di precarietà, insegnando loro un mestiere e la lingua italiana; stanno con noi per diversi mesi e il nostro compito è seguirli nella loro vita quotidiana. Questo libro e queste foto raccontano le storie di 5 persone e il fine è quello di far avvicinare le loro storie alla popolazione». Aggiunge Pesaresi: «Prepariamo i migranti ad una vita in Italia e di renderli autonomi; nel corso del 2021 abbiamo trovato 168 contratti di lavoro per queste persone e 152 sono i corsi di formazione organizzati».  La mostra, un riassunto delle foto contenute del libro, è composta dalla biografia e dalle fotografie in bianco e nero di alcuni dei beneficiari del progetto SAI; vengono ritratti nella loro quotidianità, a lavoro, durante i corsi di formazione, in casa. Spiega il fotografo Fabio Mignanelli: «Vorrei ringraziare il Comune di Jesi, l’ASP 9, Simona Marchegiani, referente ASP 9 del progetto SAI, per il supporto e l’aiuto ricevuto. È stato un progetto interessante, un’esperienza eccezionale. Attraverso questo lavoro sono usciti gli aspetti più umani, le persone e la loro realtà».

21272913-BAA9-4C68-88AB-44411C69DE13

E093CBFD-179A-4A31-BA8F-F497154EAD7A

 

Le storie dei cinque migranti protagonisti sono accomunati dagli stessi aspetti, da un viaggio lungo ed estenuante, dalla speranza di una vita migliore. Lo spiega la dott.ssa Simona Marchegiani dell’ASP 9: «La mostra racconta di Sandra, arrivata incinta, che ha frequentato il corso di italiano e attraverso un tirocinio è riuscita ad ottenere un contratto di lavoro in una parrucchiera, trovando una soluzione abitativa autonoma; una famiglia italiana si è resa disponibile ad aiutarla nell’integrazione sociale e con la bambina. C’è poi Hassan, arrivato minorenne con molti sogni, voleva fare il modello e il cantante. Ha raggiunto l’autonomia, parla bene l’italiano ed è riuscito a farsi assumere da un’azienda del territorio: allo stesso tempo lo abbiamo accompagnato nella realizzazione del suo sogno, grazie a questo progetto infatti è riuscito a scrivere una canzone in italiano e gli abbiamo organizzato dei servizi fotografici. C’è  Malik che purtroppo ha abbandonato il progetto perché non è riuscito probabilmente a sentirsi integrato in questo territorio e può capitare. Potrei raccontare altre centinaia di storie che partono dallo stesso inizio. Il progetto è la comunità locale sono una grande risorsa per queste persone e la mostra è finalizzata a far comprendere questo. Ringrazio le cooperative che sotto coordinamento dell’ASP gestiscono questo progetto: Vivere Verde Onlus, Coos Marche Onlus, Polo9 e Associazione ANOLF Marche».

Il fine principale della mostra è quello di sensibilizzare la comunità locale e, in particolare, i giovani sul tema dell’accoglienza e dell’integrazione dei migranti e di mostrare da vicino la loro vita quotidiana, non troppo lontana dalla nostra. «Ringrazio Fabio per aver collaborato alla realizzazione di questa mostra fotografica – afferma il presidente ASP Ambito 9 Matteo Marasca – il progetto SAI dell’ASP ha un ruolo importante in termini di finanziamenti, l’incidenza sul bilancio dell’ASP è di 7 milioni su un totale di 30 milioni di euro. La mostra ha un fine, quello di sensibilizzare la nostra comunità sulle attività di accoglienza dei migranti: si possono osservare i volti, le attività concrete, si ha la percezione di come le risorse vengano effettivamente spese. Credo che la popolazione debba essere orgogliosa di vedere come a queste richieste di aiuto riusciamo a trovare una risposta, a volte positiva, a volte ci proviamo.  Sensibilizzare i ragazzi che vanno a scuola all’inclusione significa tendere la mano: ecco perché l’intenzione è di portare questo progetto nella Vallesina». La mostra sarà infatti itinerante: fino al 20 novembre rimarrà esposta a Palazzo Santoni a Jesi, per poi spostarsi in altri territori della Vallesina.

CB00861C-FA11-4CD0-8EDA-3F92F16FC9A7

La mostra è aperta al pubblico nei giorni di martedì, giovedì, sabato e domenica dalle ore 16.00 alle ore 19.00, con obbligo di certificazione verde. Il martedì e il sabato ad accogliere i visitatori saranno operatori e referenti degli Enti del Progetto SAI, il giovedì il personale di ASP Ambito 9 e la domenica pomeriggio l’autore Fabio Mignanelli. La mattina la visita è riservata alle scuole.

 

A cura di Chiara Petrucci

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.