Acqua dai soffitti del Carlo Urbani, in settimana al via ai lavori

JESI – Infiltrazioni d’acqua al Carlo Urbani, saranno aggiudicati entro la settimana i lavori di rifacimento per l’impermeabilizzazione delle coperture. Lo fa sapere la Direzione Area Vasta 2, a seguito dei disagi al reparto di Medicina B, al quinto livello del nosocomio cittadino, dove il personale medico è stato costretto a trasferire la settimana scorsa alcuni pazienti in altre stanze per gli sgocciolamenti dal soffitto, dove si sono nel tempo creati anche macchie di muffa.

Un problema che non è passato inosservato alle famiglie che si sono lamentati per le condizioni non salutari in un reparto dove si curano malati per infezioni. Ma il direttore dell’Unità di reparto Marco Candela si era già mosso per sollecitare l’Area Vasta 2 a correre ai ripari: «Avendo notato lo sgocciolamento, con la caposala del reparto ci siamo subito attivati per contattare l’ufficio tecnico e correre ai ripari. Il problema riguarda nello specifico solo un paio di letti, tenuti costantemente sotto monitoraggio. I pazienti interessati dal problema sono stati spostati in un altra stanza, nessuna criticità riscontrata nel resto del reparto».

Dalla Direzione Area Vasta 2 arrivano intanto le prime rassicurazioni su lavori di miglioramento risolutivi e già in programma: «Entro la settimana verranno aggiudicati i lavori di rifacimento dell’impermeabilizzazione dopodiché si darà corso all’esecuzione dell’intervento». L’Ufficio di competenza, con a capo l’ingegner Claudio Tittarelli, precisa: «Il problema era stato preso da tempo in esame dal personale tecnico dell’Area Vasta 2 ma non era stato possibile dare immediatamente corso ai lavori in quanto, nella zona della copertura interessata dall’infiltrazione, sono presenti macchine dell’impianto di condizionamento a servizio delle degenze della medicina, pertanto è stato particolarmente difficoltoso individuare il punto dal quale l’acqua penetrava nei locali sottostanti. Nel tempo sono stati fatti diversi tentativi locali per eliminare l’infiltrazione di acqua, in considerazione della presenza delle macchine, ma poi ci si è orientati nel rifacimento integrale dell’impermeabilizzazione con una membrana poliureica ibrida bicomponente».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*