Acquaroli firma l'ordinanza: «In zona arancione 20 comuni con incremento contagi» | Password Magazine

Acquaroli firma l’ordinanza: «In zona arancione 20 comuni con incremento contagi»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Il presidente della Giunta regionale Francesco Acquaroli ha firmato l’ordinanza che riguarda le restrizioni sulla provincia di Ancona. Il provvedimento entrerà in vigore da domani e avrà effetto fino alle 24 di sabato 27 febbraio, facendo scattare la zona arancione in 20 comuni della provincia di Ancona: si tratta di Jesi, Ancona, Osimo, Senigallia, Falconara Marittima, Filottrano, Staffolo, Serra de’ Conti, Polverigi, Cupramontana, Camerata Picena, Monte San Vito, Maiolati Spontini, Chiaravalle, Ostra, Loreto, Sirolo, Sassoferrato, Castelplanio e Castelfidardo. In queste località varranno le regole della zona arancione previste dal Dpcm, con divieto di spostamento (se non per motivi di lavoro, salute, studio e necessità comprovate) tra i comuni della provincia di Ancona.

Tutti gli altri comuni restano in ZONA GIALLA mentre resta in vigore fino a sabato compreso l’ordinanza che limita gli spostamenti in entrata e in uscita dal territorio provinciale di Ancona.
«Mi dispiace veramente dover prendere un provvedimento simile e così sofferto, ma la salute e la sicurezza dei cittadini, la tenuta delle strutture sanitarie e la salvaguardia degli operatori devono essere sempre al primo posto – sono le parole del Governatore -. Quelli che, da domani fino alle ore 24 di sabato 27 febbraio, entrano in zona arancione sono i comuni dove si registra il maggior incremento di contagiati, gli stessi annunciati ieri. Raccomando di rispettare tutte le precauzioni e di continuare a fare attenzione. Come sapete nel frattempo è partita la campagna di vaccinazione per i cittadini over 80, che procederà per tutte le fasce di popolazione compatibilmente con la disponibilità di dosi che ci saranno inviate. Speriamo che fra qualche tempo tutto questo possa essere solo un brutto ricordo, è il mio grande auspicio, ma intanto dobbiamo utilizzare l’unica arma che abbiamo a disposizione: la massima prudenza».
È VIETATO OGNI SPOSTAMENTO IN ENTRATA E IN USCITA DAI COMUNI INDICATI, OSSIA QUELLI CHE ENTRANO IN ZONA ARANCIONE, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.  Sono comunque consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita.  E’ consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.  Il transito sui territori è   consentito qualora necessario a raggiungere ulteriori territori   non   soggetti   a restrizioni negli spostamenti o nei casi in cui gli spostamenti sono consentiti.

È VIETATO OGNI SPOSTAMENTO CON MEZZI DI TRASPORTO PUBBLICI O PRIVATI, IN UN COMUNE DIVERSO DA QUELLO DI RESIDENZA, DOMICILIO O ABITAZIONE, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o  per  svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi  e  non  disponibili  in tale Comune. Lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata è consentito, nell’ambito del territorio comunale, una volta al   giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 5,00 e le ore 22,00, e nei limiti di due persone ulteriori  rispetto  a  quelle  già lì conviventi, oltre  ai  minori  di  anni quattordici  sui  quali  tali persone esercitino la potestà genitoriale e alle persone disabili  o non autosufficienti conviventi. Sono consentiti gli spostamenti dai Comuni con popolazione non superiore a 5000 abitanti e per una distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione in ogni caso  degli  spostamenti  verso  i  capoluoghi  di Provincia.

SOSPESE LE ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad  esclusione  delle mense e del catering continuativo su base contrattuale  a  condizione che vengano rispettati i  protocolli  o  le  linee  guida  diretti  a prevenire  o  contenere  il  contagio.  Resta consentita   la   sola ristorazione con consegna  a  domicilio  nel  rispetto  delle  norme igienico sanitarie sia per  l’attività  di  confezionamento  che  di trasporto, nonché fino alle ore 22,00 la ristorazione  con  asporto, con divieto di consumazione  sul  posto  o  nelle  adiacenze.  Per i soggetti che svolgono come attività  prevalente  una  di  quelle identificate dai codici ATECO 56.3 e 47.25  l’asporto  è  consentito esclusivamente fino alle  ore  18,00.  Restano comunque aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, gli itinerari europei E45 e E55, negli ospedali,  negli  aeroporti,  nei porti e negli interporti, con obbligo di assicurare in ogni  caso  il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro.

SONO SOSPESI LE MOSTRE E I SERVIZI DI APERTURA AL PUBBLICO DEI MUSEI E DEGLI ALTRI ISTITUTI E LUOGHI DELLA CULTURA, ad eccezione  delle  biblioteche dove i relativi servizi sono offerti su prenotazione e degli archivi fermo   restando   il   rispetto   delle   misure   di   contenimento dell’emergenza epidemica.

Infine «fortemente raccomandato lo svolgimento dell’attività didattica con modalità a distanza negli istituti scolastici in cui si registra un aumento dei casi di contagio da virus SARS-CoV-2».

A Jesi le scuole secondario di primo e secondo grado sono chiuse da oggi per ordinanza del sindaco Bacci.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.