Addio a Bardi, il saluto della città al re delle meringhe | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Addio a Bardi, il saluto della città al re delle meringhe

JESI – La città si stringe intorno allo straziante addio al suo “re delle meringhe” e titolare della storica pasticceria, Ezio Bardi, trovato morto all’età di 54 anni in casa nel suo appartamento lunedì mattina per un malore improvviso risalente alla sera precedente.

«Ezio Bardi era un imprenditore conosciuto e apprezzato sia per le sue doti umane che professionali – ricorda la presidente della Delegazione di Jesi Confcommercio Marche Centrali Tania Luminari, profondamente colpita e addolorata dal luto improvviso – La scomparsa di Ezio Bardi lascia un vuoto incredibile anche perché il suo esempio era di sprone per molti colleghi soprattutto del centro storico di Jesi che è stato sempre nel suo cuore».

Per il passaggio del feretro e durante il rito funebre tutti i commercianti del centro stamattina hanno abbassato la serranda e spento le luci della vetrine, in segno di lutto. In tanti si sono stretti intorno ai familiari e alla sorella Roberta.

Sotto una fitta neve che continuava a scendere, una folla si è radunata intorno e dentro la Chiesa di San Filippo per l’ultimo saluto all’impreditore: commercianti, volti della politica cittadina, dipendenti ed ex dipendemti, collaboratori, imprenditori, amici e conoscenti. Ancora forte lo sgomento, impossibile per tutti credere che da un giorno all’altro Ezio se ne sia andato via per sempre: la domenica prima si era recato regolarmente a lavoro. Niente poteva far pensare che di lì a poco il suo cuore lo avrebbe tradito.

Lacrime e applausi all’arrivo del feretro in chiesa: sotto una soffice pioggia di fiocchi bianchi, spezzata solo dai colori degli ombrelli, tanto silenzio e dolore per l’ultimo saluto al re delle meringhe.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.