Addio a Lulù e Sabrina: l'Albero di Castelbellino si spegne per tre giorni.

CASTELBELLINO – A pochi giorni dalle gioie regalate dai mercatini natalizi e dall’accensione dell’Albero, Castelbellino piange e si stringe al dolore dei due tristi lutti che hanno sconvolto il paese. Dopo la scomparsa prematura di Lucrezia Dedato, la 14enne stroncata a soli 14anni da un
malore mentre si trovava in vacanza a Bressano con la famiglia, muore anche una giovane moglie e mamma, Sabrina Coloccini, medico e volontaria Unitalsi. Aveva compiuto 40 anni il 4 dicembre scorso e da sette combatteva ormai contro un terribile male, per poter continuare a veder crescere la sua bimba.

Nei giorno dei funerali di Lulù (oggi alle 14.45 presso il Palasport di via Tobagi, frazione Stazione ), seguito domani da quello di Sabrina (alle 10:30 nella Chiesa S. Maria di Moie di Maiolati Spontini), il Comune di Castelbellino comunica la decisione di spegnere l’albero per tre giorni:

“Il 30 novembre Castelbellino ha acceso il suo albero luminoso; è un simbolo che evoca il Natale, che rasserena lo sguardo di chi intercetta la sua luce verde, che stimola la fantasia dei bambini. E’ simbolo di festa, che accompagnerà fino all’Epifania. Ma in questi giorni a Castelbellino non si percepisce questo senso di festa in avvicinamento al Natale; due famiglie, piangono le loro care, prematuramente scomparse. Una giovanissima ragazza ed una giovane mamma sono venute a mancare; nel nostro Paese prevale il senso di tristezza e di cordoglio. – scrive l’Amministrazione – C’è dolore. Al Sindaco di Castelbellino, alle persone che guidano la nostra comunità, non piace il lutto per tradizione, quello associato al nero nelle culture occidentali, ma in questi giorni la realtà si è trasformata in una tiranna triste e dolorosa ed allora abbiamo deciso di chiedere asilo ad un momento di raccoglimento cittadino che passerà anche tramite lo spegnimento dell’albero luminoso per tre giorni. Spegniamo le luci, tenendo tutti quanti insieme accesa la solidarietà, l’affetto e la vicinanza, stringendoci attorno alle famiglie che hanno perso le loro care”.

foto: Catia Amadio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*