Addio a Manuel, scomparso a 40 anni: la comunità in lutto

JESI – Addio a Manuel Rossini, volato in cielo a soli 40 anni dopo una lunga battaglia contro una malattia che non gli ha lasciato scampo. Manuel si è spento nella sua abitazione sabato mattina, a Pianello Vallesina, gettando l’intera comunità nello sconforto. Figlio dell’ex presidente della Banda musicale e cittadino onorario di Castelbellino Aurelio Rossini e di Livia Catena, insegnante della scuola di infanzia e vice preside dell’Istituto comprensivo Beniamino Gigli, Manuel era noto come filosofo e intellettuale: aveva conseguito il dottorato in “Filosofia e antropologia” presso l’Università di Parma, poi si era trasferito in Germania, a Friburgo, dove era diventato docente incaricato di filosofia all’Università di Albert Ludwigs. Successivamente, era arrivata la bors presso il Leibniz – Institut für Europäische Geschichte (Mainz).

Era membro della Helmuth Plessner Gesellschaft e aveva scritto, tradotto e recensito per varie riviste internazionali, pubblicato libri e monografie su autori della letteratura e del pensiero filosofico tedesco. Poi era arrivata la malattia a rendere il futuro sempre più incerto.

Ora tutti si stringono intorno al dolore dei familiari: messaggi di cordoglio sono arrivati dall’associazionismo locale, in particolare dalla Pro loco e dalla Banda musicale di Castelbellino, dall’Istituto Gigli e anche dall’Amministrazione comunale di Castelbellino.  I funerali si svolgeranno oggi, alle ore 16, presso la chiesa parrocchiale di Pianello Vallesina. Il corteo funebre, da piazza della Vittoria, muoverà poi con il feretro verso il cimitero locale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*