Banner Aprile IH Victoria

Addio a Martino Lombardi, chiesa gremita e commozione ai funerali del consigliere

JESI – Oggi è un giorno triste. Chiesa gremita e volti commossi per l’ultimo saluto a Martino Lombardi, il consigliere comunale e imprenditore scomparso il giorno della Vigilia all’età di 54 anni. I funerali si sono celebrati questa mattina alla parrocchia di San Giuseppe. C’era così tanta gente che la folla arrivava fino alla strada. A sostenere i familiari nel momento più difficile, il mondo della politica jesina, dipendenti comunali, amici, i colleghi del lavoro, imprenditori, clienti e fornitori che da una vita si sono relazionati con Martino, titolare insieme al fratello Luca della ditta di stampa digitale Digitall, con sede a Monsano.

Di fianco al feretro, sistemato davanti all’altare, il vessillo comunale a ricordare la carica pubblica che il consigliere ha ricoperto fino all’ultimo dei suoi giorni. Presente anche il sindaco Massimo Bacci, anche lui chiuso nel dolore.

L’avventura politica di Martino era iniziata nel 2017, con il gruppo politico Jesiamo a sostegno del sindaco Massimo Bacci. Negli ultimi periodi, la malattia lo aveva tenuto lontano dagli scranni del Comune ma il consigliere non si era mai tirato indietro dal suo ruolo.

Martino Lombardi era così. Un uomo positivo, amante della vita, sempre con il sorriso. A testa alta, ha affrontato gli ultimi mesi della sua vita lottando contro un male che lo ha divorato da dentro, strappandolo via ai suoi cari in pochi mesi.

«In certi momenti il silenzio è la parola più grande che si possa pronunciare – ha detto il parroco – Non è facile perdere un figlio, un padre, un fratello, un amico. Ci si domanda allora se c’ è un perché alla morte. La vita è circondata da bui, cui facciamo fatica a riaffiorare. La morte non si può evitare. Oggi a fatica riusciamo ad accettare che Martino, insieme alla sua forza, estro e capacità, sia stato portato via così. Ma vogliano pensare che Dio lo accolga tra le sue braccia. La morte non è definitiva ma solo un passaggio. E la presenza di tante persone sarà forza e speranza per i familiari».

Toccanti le parole degli amici: «Hai sempre affrontato a testa alta col sorriso e umiltà questa malattia inaspettata che è arrivata e ti ha fatto crollare il mondo addosso, cosi come a noi».

All’uscita del feretro dalla chiesa, un grande applauso e tante lacrime.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.