«Addio Terra», bentornato teatro: lo spettacolo del progetto Erasmus+ «ClimArt» | | Password Magazine

«Addio Terra», bentornato teatro: lo spettacolo del progetto Erasmus+ «ClimArt»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Patrizia Taglianini
Patrizia Taglianini, docente referente del progetto "ClimArt"

JESI – Affrontare le problematiche ambientali attraverso le arti espressive: questo l’obiettivo degli studenti del laboratorio teatrale “ClimArt” del Liceo Classico, che debutteranno il 15 e 16 giugno al Teatro Cocuje con la performance titolata “Addio Terra”. Lo spettacolo è l’esito del lavoro svolto all’interno di un progetto Erasmus+ finanziato dalla comunità europea, iniziato già prima della pandemia nel 2019.

Ci racconta l’esperienza la docente referente del laboratorio teatrale Patrizia Taglianini, professoressa di italiano e latino al Liceo Classico di Jesi. Tra le insegnanti coinvolte in ClimArt anche Lauretana Rossetti di matematica e fisica e Roberta Mosca di inglese, lingua veicolare dell’intero progetto.

Cos’è e cosa ha rappresentato dal 2019 ad oggi il “Progetto ClimArt”?

ClimArt è un progetto Erasmus+ di partenariato tra quattro paesi europei: Italia, Germania, Serbia e Spagna. L’ente capofila è Eurocube srl, con il coinvolgimento del Liceo Vittorio Emanuele II di Jesi, un istituto superiore di Berlino, uno spagnolo e uno serbo, insieme ad associazioni culturali come Cresol e Oskos. Sintesi di “clima” e “arte”, nasce dall’idea di divulgare nella scuola argomenti complessi e tecnici come ilcambiamento climatico attraverso il linguaggio dell’arte, in particolare del teatro, così da arrivare alla sensibilità dei giovani e coinvolgerli attivamente in un sistema di vita più rispettoso della natura e delle sue risorse.

Tra gli “intellectual output”, ovvero gli obiettivi del progetto, c’è la realizzazione di un kit di materiali didatticie attività creative (manuali e performance) che potranno essere condivisi con altre scuole e istituzioni formative.

 

Patrizia Taglianini
Patrizia Taglianini, docente referente del progetto “ClimArt”

Come la pandemia ha influito sullo svolgersi del progetto e sul dialogo tra le quattro scuole europee coinvolte?

Tutta l’attività ha dovuto fare i conti con l’emergenza sanitaria che però non ha impedito la prosecuzione dei lavori. Il progetto è iniziato nel 2019 e, noi docenti, già nel febbraio 2020 prima della pandemia, avevamo fatto il primo International Meeting a Jesi, ovvero due giornate in full immersion a cui poi sono seguiti solo incontri online. Anche le lezioni del laboratorio teatrale si sono svolte da remoto nei giorni di chiusura della scuola, in presenza nei giorni di apertura rispettando le norme anti-Covid.

Il tutto si sarebbe dovuto concludere proprio in questo mese, facendo incontrare gli studenti a Bruxelles per tre giorni, con una rappresentanza delle scuole coinvolte. L’incontro finale è stato invece posticipato, ora previsto entro settembre 2021.

Com’è stato accolto il progetto dagli studenti?

Si sono iscritti circa venti ragazze e ragazzi davvero motivatissimi, dai quali è emerso come i giovani siano molto più sensibili e consapevoli sul tema climatico e ambientale rispetto agli adulti. Quello coinvolto è un gruppo trasversale di studenti dalla seconda alla quarta, dei tre indirizzi (liceo classico, economico sociale e scienze umane). Hanno collaborato in modo proficuo e amichevole, partecipando anche a due incontri internazionali online, con più di cento loro coetanei europei, con la partecipazione anche dell’Università di Bologna.

Nel periodo di lockdown abbiamo dovuto eliminare la parte migliore della scuola, l’incontro. Questo progetto è stato quindi anche un modo per stare insieme in sicurezza e fare qualcosa di vivace e coinvolgente, non solo la classica lezione frontale.

Cosa può dirci dello spettacolo del 15 giugno al Teatro Cocuje?

Lo spettacolo “Addio terra”, sul cambiamento climatico, andrà in scena il 15 giugno alle 21 e il 16 alle 22 al Teatro Cocuje di Gianfranco Frelli in Via dell’Esino 13. È obbligatoria la prenotazione al numero 3331600201. Per il 15 siamo già al completo, ma il 16 ci sono ancora posti disponibili.

È l’esito di cinque mesi di lavoro con gli studenti del Liceo Classico che hanno portato alla creazione di un duplice spettacolo in inglese (lingua veicolare del progetto ClimArt) e in italiano. Al Cocuje rappresenteremo la versione in lingua italiana, mentre quella in inglese è programmata per settembre a Bruxelles.

Addio terra locandina

Si esibiranno sul palco: Jonathan Barchiesi, Giorgia Carloni, Sofia Fioretti, Alessandro Sistilli, MatildeFerazzani, Maria Elisa Sassaroli, Anna Centanni, Emma Lannutti, Martina Porfiri, Jeta Gashi, EvaRemedi, Aurora Ferazzani, Federica Felici, Gaia Tenenti, Cecilia Martiniello, Giulia Tisè, Flavia Fida, Giorgia Rosini, Linda Campana. La colonna sonora della performance è a cura di Purple Beats, giovane producer di musica rap, genere che ben si concilia con il linguaggio dei giovani.

Portare avanti un’attività così articolata tra scuole europee e in una situazione sanitaria problematica è stata una grande sfida, ma anche una prova di quanto la cultura non trovi barriere, ma ponti per far crescere i nostri giovani.

A cura di Angela Anconetani Lioveri

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.