Affascinante incontro ravvicinato con i Falchi di Piazza Federico II

JESI – Continua ad affascinare la coppia di Falchi innamorati che, in una situazione ai confini tra leggenda e realtà, hanno deciso di utilizzare spesso il campanile di San Floriano per sostare e di utilizzare la sottostante piazza dedicata al più grande falconiere della storia, l’Imperatore Federico II, come sito di spiumaggio.

Le evoluzioni della storia non passano inosservate grazie all’attenta osservazione dell’associazione Falconieri di Federico II che, durante l’ultimo Palio di San Floriano, ha realizzato un partecipato convegno sull’argomento presso il Museo dedicato all’imperatore. Ultima puntata di questa affascinante storia è stata scritta pochi giorni fa con l’installazione sul campanile del San Floriano di una trappola fotografica. Si tratta di un congegno per appassionati del settore che grazie ad un sensore infrarossi e di movimento, rileva il Falco quando presente, la temperatura e l’orario, immortalando poi il tutto, notte e giorno.
Posizionata dietro la rete installata precedentemente dal comune, per non disturbare troppo e non alterare l’habitat così come scelto diversi mesi fa dai rapaci, la macchina ha potutto documentare la presenza e alcuni comportamenti di Federico (il maschio) catturando immagini in cattività mai così ravvicinate.

“L’attesa era tutta concentrata per l’avvistamento dei pulli involatisi, avvistamenti mai fatti – raccontano i Falconieri sulla loro pagina facebook –  solitamente la femmina sorvola insieme ai nuovi nati il territorio di caccia e i normali siti di spiumaggio delle prede, questo al fine di far apprendere ai nuovi nati le tecniche venatorie utili per la sopravvivenza in natura. L’assenza di pellegrini giovani ci ha fatto ipotizzare che, la nostra coppia adulta sia in realtà una coppia di falchi giovani e alla loro prima esperienza riproduttiva e che, i comportamenti osservati in primavera siano stati dei tentativi di approccio al sito di nidificazione che non hanno prodotto nessun risultato. Attualmente l’osservazione assidua dei falchi nel nido artificiale ci fa bene sperare per la prossima stagione, sicuramente cercheremo di monitorare la situazione in maniera molto attenta”.

Oltre ai Falconieri, diversi sono stati già ad oggi i curiosi e gli appassionati di fotografia che hanno tentato di vedere i falchi all’opera o di immortalarli nelle diverse postazioni elevate, in primis il campanile del duomo. Una situazione che potrebbe, in un prossimo futuro, se stabilizzata e sotto il controllo di persone esperte come i ragazzi della falconeria, portare anche ad episodio di turismo legato al settore del birdwatching.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*