Affidi, più minori affidati nel 2018 ma sempre meno le famiglie disponibili | | Password Magazine

Affidi, più minori affidati nel 2018 ma sempre meno le famiglie disponibili

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Affido, numeri da record nel 2018 ma si cerca di ampliare la rete di famiglie. Lo dice l’Asp 9, l’azienda sanitaria ai servizi alla persona, che vuole mantenere alta l’attenzione su questo tema: «Ognuno può dare un contributo – sono le parole di Sergio Mosconi, presidente dell’Asp – per sensibilizzare le famiglie verso questo servizio di auto e sostegno creato nell’ottica della tutela dei diritti dell’infanzia, che garantisce al minore il diritto di crescere in una famiglia, capace di soddisfare le sue esigenze educative e affettive, finché la famiglia d’origine non avrà superato una particolare situazione critica». I beneficiari dell’affidamento sono i minori d’età compresa tra gli 0 e i 17 anni, italiani, stranieri residenti e stranieri non accompagnati che hanno genitori in difficoltà nel rispondere ai propri bisogni. La Regione Marche eroga alla famiglia affidataria un contributo mensile a totale favore del bambino affidato e che servirà a sostenere le spese per i suoi bisogni: «Si tratta di un rimborso per coprire i costi di libri, pannolini, vestiti e qualsiasi altra cosa occorra al minore  – spiega il direttore dell’ASP Franco Pesaresi -. Questo perché l’affidamento si possa fondare sulla disponibilità e l’idoneità all’accoglienza e non sulle condizioni economiche». Se lo scorso anno sul territorio dei 21 comuni dell’Asp si è raggiunta la cifra record di 50 affidi, calano invece le famiglie affidatarie, solo 11: «Una discesa preoccupante, è il numero più basso mai raggiunto – spiega Pesaresi -.Questo significa che il numero dei ragazzi in comunità è destinato a raddoppiare».
Il numero delle famiglie disponibili ancora non utilizzate non è sufficiente a rispondere alle esigenze. Qualora il ragazzo non possa essere affidato all’interno della rete parentale, infatti, è necessari ricorrere a terzi che si occuperanno di lui a tempo pieno o parziale: per questo l’Asp, anche con iniziative come il Buono Tempo 2 h, per dedicare 2 ore a un ragazzo o un minore che ha bisogno di essere accompagnato o ospitato in un momento di amicizia o pranzo, invita tutti gli interessati a consultare il sito miaffido.it o recarsi presso i servizi territoriali Asp o Asur per segnalare un’eventuale disponibilità. Possono essere affidatari: una famiglia, preferibilmente con figli minori, una persona singola o una coppia o parenti entro il 4° grado in grado. Coloro che sono ritenuti idonei da un equipe mista di operatori del servizio integrato affido e del servizio sociale territoriale (Asp e Asur), potranno diventare affidatari.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.