Agenda digitale: incontro organizzato da Jesi Sostenibile | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Agenda digitale: incontro organizzato da Jesi Sostenibile

JESI – Puntare sull’innovazione e sulla rivoluzione digitale è ormai necessario per dare al territorio possibilità di sviluppo economico e crescita occupazionale. Internet offre alle pubbliche amministrazioni una serie di risposte efficaci per quanto riguarda la trasparenza e la partecipazione dei cittadini alla gestione dei beni comuni. Delle opportunità da cogliere e delle idee da mettere in campo si è parlato sabato nel corso di un interessante appuntamento all’Hostaria Dietro le Quinte di Jesi, organizzato dalla lista Jesi Sostenibile che appoggia la candidatura a sindaco di Osvaldo Pirani.

“Jesi oggi è parecchio indietro nel processo di digitalizzazione” ha detto Paola Sabbatini, candidata consigliera della lista. “Qualche anno fa era stato avviato un bel percorso, anche in anticipo sui tempi, poi tutto è stato bruscamente interrotto e sacrificato sull’altare del risparmio. Ora quel percorso bisogna riprenderlo e rimetterci al pari. La priorità è l’alfabetizzazione digitale dei cittadini, un compito che può essere svolto solo dal Comune”.

Ospiti dell’iniziativa, due esperti della materia: Anna Riccioni, responsabile dell’Agenda digitale del Comune di Reggio Emilia, e Dario Bottazzi, responsabile ricerca e innovazione per Altran Italia.

“Oggi i comuni devono essere bravi a cogliere le opportunità” ha ricordato Anna Riccioni. “La scarsità di risorse economiche può essere compensata dalle accresciute competenze delle persone e dal valore enorme dato dall’associazionismo che a Jesi, così come a Reggio Emilia, è molto sviluppato. Però bisogna incentivare la partecipazione e creare momenti di confronto. A Reggio Emilia ad esempio esistono i laboratori di innovazione. Ci si incontra, si mettono sul tavolo le idee e il tutto diventa un progetto a servizio della comunità. Altra risorsa in mano ai comuni sono i dati, le informazioni. Ogni comune ne ha tantissime. Una volta si pensava che i dati fossero importanti solo per chi li detiene, invece per fortuna si è capito che la ricchezza sta nella condivisione. A Bologna un ragazzo ha sfruttato gli open data del Comune per fare una app che facilita l’uso dei mezzi pubblici. Utilissima. A Bergamo, un giornalista ha usato i dati sugli incidenti per far capire la pericolosità di un certo tratto di strada. Quel lavoro ha convinto il Comune a fare delle modifiche alla viabilità e gli incidenti sono diminuiti. Nel 2012, dopo il terremoto dell’Emilia, un portale ha messo a disposizione di tutti i dati riguardanti le imprese edili, in modo che tutti potessero controllare la regolarità dei lavori di ricostruzione. Esempi come questi ne esistono a migliaia”.

Internet offre moltissime opportunità per migliorare il servizio pubblico.

“Il comune -ha detto Anna Riccioni- eroga servizi per cui le risorse umane possono essere tranquillamente sostituite dal computer. In questo modo i dipendenti avranno più tempo da dedicare a quei servizi in cui invece il contatto umano è insostituibile, come ad esempio l’ufficio informazioni. Il tutto, però, va accompagnato da percorsi di alfabetizzazione digitale, perchè nessuno deve rimanere indietro. Inoltre è fondamentale mettere insieme vari enti e servizi, in modo da ridurre i costi, permettere a tutti di innovare e dare al cittadino un unico punto d’accesso per le diverse necessità: pagamenti, teatri, trasporto urbano, eccetera”.

“Spesso -ha aggiunto Dario Bottazzi– pensiamo che innovare sia compito dei grandi gruppi industriali e delle multinazionali. Niente di più sbagliato. Internet, il gps, il touch screen, l’uomo sulla luna: le più grandi innovazioni derivano tutte dal settore pubblico. Pensiamo erroneamente che la pubblica amministrazione debba solo provvedere a risolvere le rogne che il privato non sa risolvere da solo, invece un ente pubblico, anche a livello locale, può creare occasioni, modellare il territorio, dare sviluppo, perchè ha a disposizione una serie di leve importantissime per farlo”.

Grazie alla preparazione degli ospiti, i presenti hanno assistito ad una iniziativa molto interessante e compreso l’urgenza di dare a Jesi una Agenda Digitale in grado di modernizzare il Comune, creare opportunità di sviluppo e accompagnare tutti i cittadini verso un uso più virtuoso e consapevole del web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.