Agenti in borghese per beccare chi non differenzia, fioccano le multe | | Password Magazine

Agenti in borghese per beccare chi non differenzia, fioccano le multe

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

VALLESINA – Pattuglie ma anche agenti della Polizia locale in abiti civili per smascherare i “furbetti” che abbandonano i rifiuti o non svolgono correttamente la raccolta differenziata nelle isole ecologiche. È uno dei provvedimenti messi in campo dall’Unione dei Comuni e inserito fra gli obiettivi gestionali e strategici per l’anno 2015 dall’assessore alla Polizia locale dell’Unione, nonché vicepresidente dell’organismo sovracomunale Sandro Barcaglioni.

“Dopo campagne di sensibilizzazione e di prevenzione – dice Barcaglioni, sindaco di San Paolo di Jesi – è giunto il momento della repressione contro un fenomeno odioso, quello del mancato rispetto delle regole della raccolta differenziata, perché significa non solo portare danno all’ambiente ma anche alle tasche di tutti, visto che se non si raggiunge la soglia del 65 per cento di differenziata prevista dall’Unione europea scattano penali per gli enti locali e le conseguenze gravano sulla tassa rifiuti”.

Dal primo febbraio, dunque, è partita l’operazione tolleranza zero e in meno di tre settimane sono state elevate oltre una decina di multe. Le sanzioni vanno da 100 a 400 euro. “Finora sono state elevate multe da 100 euro – fa sapere il comandante della Polizia locale dell’Unione Giovanni Carloni – soprattutto a chi non ha differenziato fra carta, plastica e organico. Ma le violazioni sono state riscontrate anche per fenomeni di abbandono di rifiuti ingombranti nelle isole ecologiche”. I controlli ecologico-ambientali sono costanti, per più giorni a settimana, e capillari, in tutti gli otto Comuni dell’Unione, organizzati e programmati in collaborazione con Sogenus spa.

Ma non è l’unico fronte di azione della Polizia locale che sarà potenziato durante il corso dell’anno. “Sono partiti anche i controlli di polizia rurale in materia di corretta coltivazione dei terreni – spiega sempre Barcaglioni – e corretta regimazione delle acque di scolo, a tutela delle strade pubbliche e delle proprietà private e per prevenire fenomeni di dissesto idrogeologico. Si tratta di accorgimenti importanti per la gestione di un territorio ed è anche da questo che si misura l’efficienza e la capacità di coordinamento di un ente sovracomunale”.

Un territorio, quello che va da Maiolati Spontini a Rosora, da Montecarotto a Monte Roberto, da San Paolo di Jesi a Poggio San Marcello, da Castelplanio a Castelbellino, di quasi 80 chilometri quadrati, dove vive una popolazione che supera i 24.000 abitanti. Per questo il ruolo della Polizia locale nel controllo del territorio è fondamentale.

“Gli agenti lavorano in maniera encomiabile e qualificata – sottolinea l’assessore delegato Barcaglioni – ma il Corpo è sotto organico. La Legge di stabilità impedisce purtroppo le nuove assunzioni a tempo indeterminato, allora come Giunta dell’Unione stiamo percorrendo la strada dei bandi di mobilità, per portare da otto a dieci le unità del personale. La normativa attuale ha però sospeso al momento anche questa possibilità, in attesa di definire il ruolo del personale degli enti di secondolivello. Quindi per i prossimi sei mesi si continuerà a sopperire alla carenza di organico con le assunzioni a tempo determinato”.

Un nuovo agente sarà assunto già dal primo aprile con un contratto semestrale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.