Agli Orti Pace, la celebrazione del 74esimo anniversario della Liberazione di Jesi | | Password Magazine

Agli Orti Pace, la celebrazione del 74esimo anniversario della Liberazione di Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Celebrazione del 74esimo Anniversario dalla Liberazione di Jesi. Butini propone un Patto alle famiglie per la tutela degli Orti Pace.

Con la deposizione di una corona d’alloro, questa sera (20 Luglio) Jesi ha celebrato il 74esimo Anniversario dalla Liberazione della città con una cerimonia presso il Parco degli Orti Pace, in via Setificio. Presente il vice sindaco e assessore alla Cultura Luca Butini, numerose autorità civili e militari, le associazioni combattentistiche, d’arma e le istituzioni cittadine.

“Il monumento ai Bersaglieri inaugurato nel 1985 per opera di Giuseppe Campitelli è un vero e proprio simbolo per la città – ha affermato il Vice Sindaco Luca Butini – ed è identificativo rispetto al luogo che lo ospita”.

Sul monumento vi è una scritta che recita “In memoria delle valorose truppe del Corpo Italiano di Liberazione, i bersaglieri e la cittadinanza di Jesi grati in eterno per la riconquistata libertà”. “Ecco, libertà. Quest’ultima parola è quella più importante – ha detto Butini – perché quando ce l’hai sembra facile da difendere. Invece, per questa parola molti popoli sono in guerra. Questa sera ricordiamo la nostra Liberazione – continua l’Assessore alla Cultura -la storia della città di Jesi e lo facciamo depositando una corona di alloro, che ricorda il coraggio di quelle persone che sono morte e grazie alle quali siamo qui, oggi, a ricordare.”

Il Parco degli Orti Pace è uno dei luoghi più vissuti della città. E’ il simbolo del riconoscerci tra jesini e nuovi cittadini. Ma anche di unione tra cittadini stranieri che ormai vivono a Jesi da moltissimi anni.
E’ un parco frequentato da tante famiglie con bambini, con giochi che molto spesso sono stati oggetto di vandalismi,

“Questa sera abbiamo fatto un patto per questo parco -ha affermato Butini – insieme alle mamme e ai papà di questa zona.  Appena si accorgono di altri atti vandalici ai danni di questo piccolo ma importante punto di ritrovo devono subito comunicarlo in Comune e alle forze dell’ordine. Ci sono le telecamere con le quali rintracceremo i responsabili”.

Butini ha poi chiamato accanto a se il consigliere comunale straniero Islam Kazi Fokhrul, che viene dal Bangladesh ma che vive a Jesi dal 2006, il vero collante tra la storia e l’identità jesina e chi vive nella zona di Via Setificio e dintorni. “Insieme – ha chiesto il vice sindaco –  dobbiamo rispettare e far rispettare questo parco”.

“E’ bello conoscere la storia della città di Jesi – ha affermato Kazi –  Non so bene cosa sia accaduto in quella guerra, ma so che cosa significa liberazione. Come consigliere farò del mio meglio per tenere bene questo parco”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.