AIAC Marche, Dottori eletto nuovo presidente. | Password Magazine

AIAC Marche, Dottori eletto nuovo presidente

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Gianluca Dottori, il nuovo presidente AIAC Marche

CASTELBELLINO – È stato letto ieri sera dai delegati dei Consigli Provinciali, il nuovo Presidente regionale dell’AIAC (Associazione Italiana Allenatori Calcio) Marche. Si tratta di Gianluca Dottori, 49 anni, educatore professionale di Castelbellino che dice «i ragazzi disabili con cui lavoro mi danno un’energia e una carica molto forte che poi riesco a portare sul campo e trasmettere ai giocatori».

Dottori, ex giocatore della jesina, vanta da allenatore una notevole esperienza nell’ambito dei settori giovanili, arrivando a vincere anche lo scudetto con la Juniores Recanatese nel 2018. Nella scorsa stagione, ha collaborato con Mister Paolo Montero come Vice Allenatore alla Sambenedettese. «Quella a San Benedetto – dice – è stata un’esperienza positiva, sia molto importante per la mia crescita personale, visto che è stata la prima con gli adulti, che molto stimolante in una piazza che mangia calcio» dichiara in merito Dottori, il quale comunque non si sbilancia sul proprio futuro: «In questo momento non mi pongo il problema se allenare in prima squadra o nel settore giovanile; valuterò i progetti che devono essere stimolanti. Detto questo comunque il mio sogno e obiettivo è quello di allenare la primavera di una squadra professionistica ma, se dovesse arrivare una Prima Squadra, ben venga, valuterò».

Gianluca Dottori, il nuovo presidente AIAC Marche
Gianluca Dottori, il nuovo presidente AIAC Marche

Nel programma di Dottori per il quadriennio 2021-2024 è chiara la volontà di collaborare con tutte le istituzioni calcistiche e non, per rafforzare la quota associati e per rafforzare l’Associazione stessa nel panorama regionale.

In questo momento, in cui anche nel calcio il  Covid la fa da padrone, Dottori si dice molto preoccupato e convinto che «il settore dilettantistico dovrà saper ripartire, nell’interesse di tutti gli addetti ai lavori, come giocatori, tifosi e allenatori, che sono stati molto penalizzati e che dovranno vivere una fase di rinascita».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.