Al Carlo Urbani, sguardi rompono il silenzio: «Ora parlano gli occhi». | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Al Carlo Urbani, sguardi rompono il silenzio: «Ora parlano gli occhi».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Non dimenticheremo mai tutto questo». Questo lo slogan apparso in fondo al pannello che il Centro culturale islamico Al Huda ha voluto donare al Carlo Urbani. Un pannello verticale,  lungo quanto la parete all’ingresso, che riporta gli occhi di tutti gli operatori sanitari dei reparti Covid e terapia intensiva impegnati nei mesi di marzo e aprile nell’emergenza.

«La pandemia covid ha rivoluzionato ogni nostra modalità di contatto interpersonale – si legge -. Abbiamo però riscoperto una sorta di linguaggio degli occhi tornando a focalizzare con piacevole attenzione quegli sguardi che nella vita usuale la frenesia è la velocità delle nostre attività quotidiane ci portano a ignorare».

IMG-20200604-WA0046

Oltre un centinaio di sguardi che rivelano un’identità celata dietro la mascherina: «Occhi scintillanti ad inizio turno, leggermente più opachi al termine, sempre vivi ed illuminati dall’entusiasmo di agire per il bene di chi spesso è terrorizzato dalla condizione che sta vivendo – c’è scritto nel cartellone – occhi talora anche abbelliti da un filo di trucco, a testimonianza che la vita nel dramma attuale, può e deve continuare. E sarà bello poter tornare a coniugare quegli sguardi con le persone a cui dire grazie, grazie per avermi confortato con la luminosità dei tuoi occhi».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.