Al colloquio di lavoro, discriminata per la statura: «Ti aspettavamo più alta» | Password Magazine
Festival Pergolesi

Al colloquio di lavoro, discriminata per la statura: «Ti aspettavamo più alta»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Se ne fa un gran parlare, specialmente perché questo triste fenomeno riguarda molto spesso personaggi noti, che vivono sotto i riflettori e che leggiamo sui giornali o vediamo in tv. È il caso dell’attrice Vanessa Incontrada, o, più recente, quello della cantante Billie Eilish. Stiamo parlando di #bodyshaming, ovvero ogni forma di bullismo contro il corpo e le sue forme.  C’è chi commenta pesantemente le rotondità di una persona, c’è chi punta il dito con cattiveria sull’aspetto fisico di un individuo o chi, involontariamente o su suggerimento da parte di un suo superiore o di una politica aziendale precisa, commenta negativamente la statura di una persona. E chissà perché il più delle volte, questi commenti anche piuttosto duri vengono indirizzati alle donne. Il più delle volte, non è una legge. Perché il #bodyshaming o qualsiasi forma di bullismo si debba affrontare non ha genere, né da parte di chi subisce e né da parte di chi provoca.

Cosa accade, però, quando questi fatti non li leggiamo più solo sui giornali patinati ma li viviamo in prima persona nel nostro ambiente quotidiano? Come ci comportiamo quando a rimanere delusa da un certo tipo di atteggiamento nei suoi confronti è una nostra amica, nostra sorella o una figlia? Magari, nella tua città della tranquilla provincia marchigiana?

colloquio di lavoro

Se una ragazza di belle speranze invia il proprio Curriculum ad un’azienda, una multinazionale che dell’italianità bella nel senso vero del termine ne ha fatto un brand, lo fa perché è in cerca un’occupazione ed è pronta a mettere in discussione il proprio profilo professionale. Il Cv funziona, la ragazza ha le carte in regola per poter sostenere un colloquio di lavoro. Tensione, emozione, paura ma anche voglia di dimostrare ciò che si può fare o di imparare sono il giusto mix prima dell’incontro di lavoro. Ma tutto questo viene letteralmente smontato da – guarda caso – un uomo che a prima vista la guarda e sentenzia: «Ah, ma ti aspettavamo più alta».

Ebbene, questo è quanto accaduto a una giovane jesina che ha deciso di denunciare il fatto.

Perché, da come stanno i fatti, non importa che questa ragazza sia sorridente, non importa che questa ragazza abbia un CV ricco e interessante, tra titoli di studio ed esperienze pregresse. No, sei bassa, non fai per noi. Ecco tutto. Eppure, trattandosi di un lavoro di accoglienza al pubblico e di assistenza alla vendita, l’altezza non dovrebbe incidere. Altrimenti, tutte le Eva Longoria, le Luciana Littizzetto, Pink o le Kylie Minogue avrebbero fatto un altro lavoro.

vanessa incontrada vanity fair
La foto della copertina di Vanity Fair con Vanessa Incontrada nuda. Foto presa dal web

La copertina forte realizzata da Vanessa Incontrada per Vanity Fair qualche settimana fa, lo dice chiaramente: Nessuno mi può giudicare. Ogni donna, ogni uomo, ogni persona può e deve essere fisicamente se stessa, senza temere il giudizio altrui.

Una qualsiasi azienda che valuta solo l’aspetto fisico di un eventuale collaboratore perché convinta che solo così può mirare in alto, sbaglia. A volte, mirare verso il basso ti permette di fare centro. Che questa azienda abbia perso un’occasione?

1 Commento su Al colloquio di lavoro, discriminata per la statura: «Ti aspettavamo più alta»

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.