Al Galilei di Jesi gli auguri in tutte le lingue del mondo, anche in coreano | Password Magazine

Al Galilei di Jesi gli auguri in tutte le lingue del mondo, anche in coreano

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Gli auguri all’IIS Galilei di Jesi, anche in quest’anno sferzato dal Covid, sono speciali perché parlano tutte le lingue del mondo, anche il coreano!

Il gemellaggio virtuale con la Korea del Sud e il liceo Jeohyeon High School di Goyang ha lanciato
uno spiraglio di speranza anche per questo Natale reso un po’ triste dalla distanza che non si può
colmare se non virtualmente. E’ per questo che anche mercoledì pomeriggio in vista dei festeggiamenti con parenti ed amici che gli studenti del Galilei si sono collegati per augurare buone
feste ai “compagni” coreani sulle note di “Life goes on”.

«L’ultimo brano dei Bts, la band coreana più famosa al mondo, racconta lo spirito della video call di oggi: andare avanti con la vita, anche in
questa pandemia».

Ha sottolineato la prof.ssa che segue il progetto Kiss Monica Ferretti.
«Riuscire a far dialogare oltre 40 ragazzi italiani e coreani è stato molto bello ed emozionante – ha
aggiunto ancora la prof.ssa di Lingua e Letteratura Italiana al Galilei di Jesi – ma soprattutto ci
riempie di speranza per il futuro. Un futuro in cui potremmo ricominciare a viaggiare e ad
incontrarci di nuovo. Questi sono gli auguri che si sono scambiati reciprocamente gli studenti sulla
bacheca virtuale che ha chiuso il collegamento.” Ora già previsto il prossimo incontro che si terrà il
5 gennaio 2021 con lezioni di italiano e coreano preparate dagli studenti.
E’ su queste note dal carattere internazionale che il Galilei di Jesi torna a far sognare professori e
ragazzi.

«Un augurio speciale va ai nostri partner internazionali e a tutta la comunità scolastica» ha
affermato con soddisfazione il Dirigente dell’IIS Galilei Luigi Frati.

«So che tutti stanno vivendo un momento particolare: ci mancano tutti gli affetti, la presenza, lo stare insieme, ma vogliamo colmare comunque le distanze, virtualmente, per non farci affliggere, ma anzi resistere e tirar fuori
tutta la nostra resilienza».

L’auspicio più grande per il 2021 sarà quello di tornare a scuola in presenza e di tornare a fare tutto ciò che abbiamo fatto fino a ieri: i laboratori al Biologico, la settimana del Les, ma anche recuperare tutte le esperienze internazionali. I ragazzi ora ne hanno bisogno più che mai.

«Lasciamoci alle spalle – ha dichiarato il Dirigente Frati – anche questa emergenza, pur tenendoci informati come nella recente videoconferenza organizzata nel nostro Istituto con la Dott.ssa Sara Caucci, una delle
ricercatrici di punta dell’Univpm che nel marzo scorso isolò e sequenziò il virus e fu tra i primi in
Italia».

«Nel bene e nel male, questa situazione – ha riferito Luigi Frati – ci ha fatto conoscere aspetti
diversi di un’altra dimensione, quella virtuale, che oggi orienta la didattica e la conduce verso altre
sfide. Ha posto inoltre ai nostri studenti nuove opportunità. Penso a Viorel e al suo Washed Cash
esposto nelle fiere virtuali d’America e d’Europa. Sappiamo bene quanto vale la scuola in presenza,
ma dobbiamo saper utilizzare il cambiamento come opportunità».

«Sono certo che il 2021 – ha concluso Frati – ci porterà una luce di speranza, confido nel contributo della ricerca scientifica e nei passi da gigante che in brevissimo tempo ha saputo e potrà fare. Spero che presto potremo avere buone notizie sulla vaccinazione. Buona disconnessione a tutti voi! Buon
sereno e Felice Natale! Che quello venturo sia un anno che ci possa far guardare al futuro con più
serenità!».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.