Al "Galilei" il trentennale del Progetto Erasmus con le scuole partner di Germania, Spagna, Olanda e Svezia | | Password Magazine

Al “Galilei” il trentennale del Progetto Erasmus con le scuole partner di Germania, Spagna, Olanda e Svezia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Occasione unica per l’Istituto di Istruzione Superiore “Galilei” di Jesi, quella di poter festeggiare oggi, 9 maggio, il trentennale del Progetto Erasmus in concomitanza con la presenza di giovani studenti e docenti nell’ambito del partenariato multilaterale con scuole di Germania, Olanda, Spagna e Svezia.

In tutto 37 studenti (sei spagnoli, dodici olandesi, sei svedesi, tredici tedeschi) dai 13 ai 16 anni, e otto docenti che sono arrivati domenica scorsa per ripartire sabato prossimo.
“Una opportunità importante e significativa – ha sottolineato il dirigente, ingegner Floriano Tittarelli – , in vista della loro vita futura come universitari e lavoratori, che avvicina giovani e famiglie ma che serve anche per allargare gli orizzonti, le competenze, le capacità di confrontarsi. Viaggiare per conoscere, il che diventa occasione di crescita”.
Con lui anche la coordinatrice del progetto, la professoressa Cristina Pavisic, la professoressa Daniela Fiorentini, chimica analitica e laboratorio, l’assessore alla cultura e vice sindaco, Luca Butini.


E quattro studenti italiani che svolgono la funzione di tutor nei confronti degli amici stranieri: Luca Barigelli di Jesi, Federico Giancarli di Monte San Vito, Alessio Petrellini ed Eduardo Bernardini di Angeli di Rosora.
L’istituto partecipa dal 2000-01 a questi progetti Erasmus Plus e negli anni sono stati 1.500 gli studenti che hanno avuto l’opportunità di recarsi all’estero.
“Crediamo molto in questo tipo di attività – ha detto ancora Tittarelli – , tanto è vero che abbiamo in atto tre progetti – destinati anche alla mobilità dei docenti con lo scopo di migliorare le competenze linguistiche e metodologiche – per far crescere la scuola e puntare sempre di più alla qualità dell’insegnamento”.
Una caratterizzazione specifica che comporta una dimensione europea, scambio di idee e conoscenze tra coetanei, consapevolezza della cittadinanza attiva allargata al continente e approfondimento di tematiche comuni e specifiche.


Stavolta si lavora su un gioco da tavolo digitale con il telefono per stimolare i ragazzi “a non essere soggetti passivi della tecnologia ma artefici nella creazione di Apps da applicare nell’ambito della didattica”.
L’assessore Butini ha salutato tutti e, nel suo perfetto inglese, ha elogiato l’istituto “Galilei” per le iniziative che porta avanti nell’ambito di tali progetti.
“Una scuola dinamica – ha sostenuto – che valorizza e prepara quelli che saranno i futuri cittadini d’Europa chiamati a consolidare i valori fondanti di questa nostra grande comunità. E spero che andiate via – ha detto rivolgendosi agli ospiti – con un buon ricordo di Jesi”.
Studenti e professori, poi, sono stati ricevuti nell’aula consiliare del Comune, dove l’assessore ha fatto omaggio di pubblicazioni riguardanti la nostra città.

Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.