Al Museo Stupor Mundi l’opera dell’artista Renate Busse

JESI – Si è svolta ieri pomeriggio la cerimonia di consegna dell’opera d’arte “Federico II” dell’artista Renate Busse al museo Stupor Mundi di Jesi.

Nella splendida location del cortile del Museo Stupor Mundi, dalle 18 di ieri pomeriggio si sono intrecciati arte, musica e storia: l’artista Renata Busse di Schorndorf in Germania ha donato la sua opera dedicata a Federico II al Museo.

Hanno preso parte alla cerimonia il vicesindaco di Jesi Luca Butini; il presidente della Fondazione Stupor Mundi Gennaro Pieralisi; il presidente della Fondazione Federico II Hohenstaufen, Paolo Mariani; e ad allietare la serata il gruppo Onafifetti; gli Ars Antiqua e Elisa Carletti e Federica Squadroni della scuola di danza Motus Danza.

Hanno aperto la serata gli “Ars antiqua” con alcuni brani medievali, una musica dai temi religiosi e della corte federiciana, a seguire i saluti del vicesindaco: «La città merita di sentirsi di Federico II e dobbiamo ringraziare la Fondazione cassa risparmio di Jesi, la Fondazione Federico II Hohenstaufen, i mecenati e l’amministrazione comunale che hanno creato le condizioni necessarie per l’apertura di questo magnifico museo, giungo al secondo anno di vita – commenta il vicesindaco Butini Luca – Ed è bello che gli artisti, anche internazionali, si sentano attratti da questo progetto per lasciare le loro opere nella nostra città».

Anche Gennaro Pieralisi ringrazia l’artista per il suo dono al Museo: «Abbiamo messo insieme questo museo per dare ancora più vita a una città che ha dato i natali a Federico II e ringrazio di cuore Renata Busse per aver voluto onorare il museo con un opera moderna».

Dopo i saluti e i ringraziamenti di Paolo Mariani e lo spettacolo degli Onafifetti, l’artista tedesca ha consegnato ufficialmente la sua opera al Museo, precedentemente inserita in una mostra fatta in Germania nel 2012 di circa 70 opere in onore della casata sveva e di Federico II: «Il mio Federico ha ora trovato il suo posto nel museo – commenta Renate Busse – e forse viaggerà di nuovo attraverso il paese ripiegato e riaperto a destinazione». Si tratta infatti di un pregevole che ritrae l’imperatore; l’opera è stata posizionata nella sala 15 del Museo Stupor Mundi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*