«Al PalaTriccoli, il parco è pieno di grandi cani che scorrazzano liberi» | | Password Magazine

«Al PalaTriccoli, il parco è pieno di grandi cani che scorrazzano liberi»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Cani liberi di vagare nelle aree verdi intorno al Palazzetto dello Sport: si accende il dibattito sulla questione, dopo la notizia dell’ipovedente rimasto ferito una settimana fa per il morso di un pastore tedesco. Tanti i messaggi di solidarietà a Paolo Gabrielloni, azzannato e non soccorso del padrone dell’animale, ma anche un vivace scambio di opinioni sui nostri canali social intorno al delicato tema della corretta detenzione degli animali domestici. Diversi cittadini concordano su un fatto: «Nella zona dell’accaduto è quotidiana l’attività di lasciare completamente liberi i cani. Prima o poi doveva accadere». Animali di grossa e media taglia, senza museruola, lasciati liberi di vagare perché come sostengono alcuni proprietari: «è calmissimo, non farebbe del male a nessuno». Invece a Paolo è successo: quel pomeriggio stava facendo jogging quando un cane lo ha morso sul fianco sinistro all’improvviso, causandogli ferite e contusioni. E si chiede: «Che sarebbe successo se al mio posto ci fosse stato un bambino?».

«Nella stradina di terra sotto il palazzetto è pieno di cani grandi che corrono felici e senza museruola – lamenta una signora – Io non ci passo più perché ho paura». C’è anche chi sostiene di aver avvisato da tempo la Polizia locale di questa pratica quotidiana e di non aver visto mai controlli nella zona.

Il dibattito si sposta poi alla questione dello sgambatoio, l’area cani non recintata di via del Burrone per cui esiste un comitato in attesa di un intervento del Comune: «Sono anni che facciamo richieste al Comune per poter recintare senza alcuna risposta – interviene un residente – . Addirittura dei signori avevano trovato anche degli sponsor che finanziavano i lavori ma non hanno più fatto sapere niente».

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.