Al Pergolesi, Baroque Reloaded: quando la musica classica incontra l'elettronica | | Password Magazine

Al Pergolesi, Baroque Reloaded: quando la musica classica incontra l’elettronica

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI  – Jesi, laboratorio di creatività per il Festival Pergolesi Spontini. Negli spazi del teatro Moriconi, incontra i giornalisti Matthieu Mantanus, direttore d’orchestra e compositore artefice dello spettacolo elettronico multimediale Baroque Reloaded in scena il 4 settembre, ore 21, al Teatro Pergolesi.

Sinfonie barocche, clavicembalo ma anche videomapping e suoni elettronici si danno fondono e confondono sul palco del Pergolesi per uno spettacolo dove la musica si ascolta e si vede.

Affiancato dal direttore artistico Cristian Carrara e da Lucia Chiatti, amministratore delegato della Fondazione Pergolesi Spontini,  Matthieu  ha spiegato come sarebbe la musica di Pergolesi, Vivaldi e Alessandro Scarlatti declinata nell’epoca della tecnologia: «Più che mai viviamo anni in cui  il mondo ha bisogno di vedere. E cosa c’è da guardare in un concerto di musica sinfonica?Spesso, lo spettatore finisce per rivolgere l’attenzione altrove, magari al libretto di sala…per questo mi sono detto: proviamo ad immaginare una scena che non catturi troppo lo sguardo ma che allo stesso tempo faccia da cornice alla musica».

Nasce così Baroque Reloaded, uno spettacolo che abbina la musica classica ad elementi di contemporaneità.

Un vasto affresco musicale e visivo in cui Vivaldi, Pergolesi e Alessandro Scarlatti si alternano senza soluzione di continuità con la Cantate de l’Espace-Temps, sei movimenti prevalentemente elettronici composti da Matthieu Mantanus per fungere da cornice musicale contemporanea ai brani barocchi; il tutto immerso – grazie alle tecniche di videomapping – in una scena video in continua evoluzione, che accompagna lo spettatore attraverso “un buco spaziotemporale musicale” innovativo ed emozionante.
Trecento anni separano i due mondi musicali e il loro accostamento evidenzia da una parte le loro chiare differenze – forse ulteriormente marcate dall’impatto dell’elettronica -, ma dall’altra il loro indistruttibile legame: sono entrambi specchio dell’Umanità, delle sue emozioni più profonde, e l’evoluzione dei mezzi di espressione ha cambiato solamente il punto di vista, non il soggetto.
Lo spettacolo è una nuova commissione della Fondazione Pergolesi Spontini in coproduzione con JeansMusic lab e Fondazione Pietà de’ Turchini. Lo firma il compositore Matthieu Mantanus al pianoforte ed elettronica, visual art designer è Sara Caliumi, al clavicembalo Rossella Policardo, al violoncello Giulio Padoin, soprano Giulia Bolcato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.