Al Piccolo va in scena «Anarcord: un anarchico, il suo duodeno e Facebook» - Password Magazine

Festival Pergolesi

Al Piccolo va in scena «Anarcord: un anarchico, il suo duodeno e Facebook»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Domani alle ore 21.15, al Teatro Piccolo di Jesi sarà presentato lo spettacolo “Anarcord: un anarchico, il suo duodeno e facebook”.

L’anarchico in questione è il fabrianese Luigi Fabbri, morto a Montevideo in esilio nel 1936, leader del movimento anarchico all’inizio del XX secolo, protagonista del tentativo rivoluzionario della Settimana Rossa e fermo antifascista al montare della violenza squadrista nella Romagna che lo aveva accolto come maestro elementare.

Il testo dell’opera teatrale, di Lorenzo Allegrini, fa riferimento al teatro dell’assurdo, e nella trasposizione della finzione scenica, fra nuovi media, social di varia natura e pulsioni populiste e reazionarie, torna d’attualità la denuncia sociale e politica dell’anarchico fabrianese. La regia dello spettacolo è di Mauro Allegrini, scenografia Massimo Melchiorri, Video, Gabriele Guglielmi, aiuto regia Andrea Barocci con l’interpretazione di Oreste Aniello (luigi fabbri), Duodeno (Francesco Faggetti) e Marco Agostinelli.

L’iniziativa è a cura del Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri” di Jesi, dell’ARCI di Jesi e Fabriano e del coordinamento di associazioni culturali di “Letture per lottare”.

A poche ore dagli esiti elettorali delle europee, decisamente rappresenterà un’iniziativa di profonda attualità sociale e di innovazione culturale difficile da mancare e cui verrà data continuità politica.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.