Al Teatro Pergolesi, Gianluca Guidi e Giampiero Ramazzotti in "Taxi a due piazze" | | Password Magazine

Al Teatro Pergolesi, Gianluca Guidi e Giampiero Ramazzotti in "Taxi a due piazze"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Prosegue la Stagione Teatrale 2014/15 promossa dalla Fondazione Pergolesi Spontini in collaborazione conMarche Teatro, Amat, e gli Assessorati alla Cultura dei Comuni di JesiMaiolati Spontini e Montecarotto e con il contributo di Banca Popolare di Ancona e Sogenus.

Sabato 28 marzo alle ore 21 va in scena al Teatro G.B. Pergolesi di Jesi lo spettacolo “Taxi a due piazze” di Ray Cooney, versioni italiane di Jaja Fiastri, con Gianluca Guidi, Giampiero Ingrassia, con la partecipazione di Nini Salerno con Silvia Delfino, nel ruolo di Carla Rossi, Bianca Maria Lelli, nel ruolo di Barbara Rossi e con Antonio Pisu, Piero Di Blasio, scene Nicola Cattaneo, costumi Maria Grazia Santonocito, musiche Gianluca Guidi, disegno luci Stefano Lattavo, direzione tecnica Stefano Orsini, regia Gianluca Guidi, produzione Artù diretta da Gianluca Ramazzotti.

La storia del tassista bigamo che suo malgrado si trova coinvolto a nascondere il segreto della sua vita, diverte e affascina gli spettatori di tutto il mondo garantendo risate senza sosta. Mario Rossi, taxista, sposato con Alice Rossi, residente in Piazza Irnerio 100. Mario Rossi, taxista, sposato con Barbara Rossi, residente in Piazza Risorgimento.
Un curioso caso di omonimia, con tanto di professione identica? No!!! Il Rossi taxista è la stessa persona. Ha sposato Alice in chiesa e Barbara in comune sei mesi dopo. Egli è quindi bigamo. Seguendo una precisa pianificazione di orari e turni di lavoro, e grazie al lavoro di entrambe le mogli, Mario riesce per due anni a vivere nascondendo la verità: ovviamente Alice non sa di Barbara e viceversa.
Tutto si complica quando, per salvare una anziana signora da uno scippo, Mario riceve una brutta botta in testa che lo costringe, privo di sensi, al ricovero in ospedale. Al risveglio il taxista, ancora confuso, darà ad un infermiere l’indirizzo della prima moglie, e, ad un altro impiegato dell’ospedale quello della seconda. La denuncia arriverà quindi a due diversi commissariati di due diverse zone, che a loro volta si attiveranno mandando ad indagare due diversi ispettori. Anche la stampa fa la sua inviando a casa di Mario un fotografo che scatterà la foto che verrà pubblicata sulla copertina di Roma Sera.
 Quello che segue è una serie di equivoci, coincidenze, bugie, e mistificazioni della verità continue, che con un ritmo infernale, intricheranno a tal punto la trama da arrivare ad un finale inaspettato ma non per questo non sorprendente. 
Con un Cast capeggiato dai due mattatori Guidi e Ingrassia per una travolgente serata piena di risate.

Per informazioni e vendita biglietti ci si può rivolgere alla biglietteria del Teatro G.B. Pergolesi (tel. 0731.206888 – biglietteria@fpsjesi.com – www.fondazionepergolesispontini.com). Saranno inoltre attivati i seguenti servizi di prevendita biglietti: presso la biglietteria del Teatro delle Muse di Ancona (tel. 071.52525 – www.marcheteatro.it –biglietteria@teatrodellemuse.org) e presso le biglietterie AMAT (tel. 071.2072439 – www.amat.marche.it – info@amat.marche.it), presso tutte le Filiali Banca Marche, on line su www.vivaticket.it by Best Union, Call Center Vivaticket by Best Union 892.234 (da cellulare e dall’estero +39 041 2719035) nei punti prevendita circuito Vivaticket by Best Union.

www.fondazionepergolesispontini.itwww.marcheteatro.it www.amat.marche.it

Il cartellone del Teatro G.B. Pergolesi di Jesi prosegue il 28 aprile con lo spettacolo fuori abbonamento “Nessi”, scritto e interpretato da Alessandro Bergonzoni e diretto in coppia con Riccardo Rodolfi. Bergonzoni è molto più che coinvolgente: per assistere al suo spettacolo occorre liberare la mente dalle zavorre preconcette e lasciarsi guidare in una sorta di meditazione del paradosso. Un salto nel buio, in un linguaggio nuovo, squartato e rimodellato per comprendere “che la parola stessa è un’arte”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.